Iscriviti
Napoli

Napoli, Coronavirus: De Luca ferma la movida all’una di notte e non si possono bere alcolici per strada dopo le ore 22

A Napoli, i locali potranno essere aperti fino all'una di notte, ma gli alcolici possono essere bevuti per strada solo fino alle ore 22.00. Dopo, bisogna per forza consumare in loco.

Cronaca
Pubblicato il 29 maggio 2020, alle ore 13:35

Mi piace
4
0
Napoli, Coronavirus: De Luca ferma la movida all’una di notte e non si possono bere alcolici per strada dopo le ore 22

Il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, dopo aver tentato una riapertura, ha deciso di imporre delle leggere restrizioni per cercare di fermare quei 10 casi positivi al Coronavirus che si verificano ogni giorno a seguito dei tamponi. I risultati ottenuti sono di 10 positivi su circa 4.600 tamponi effettuati. Il totale dei contagiati in Campania è di 4.787 persone su oltre 193 mila tamponi effettuati. 

Come già detto, De Luca, ha imposto delle nuove restrizioni. In precedenza, l’orario di chiusura dei bar era fissato per le ore 23.00. L’obiettivo è quello di limitare il numero di assembramenti, come quelli che si sono verificati nello scorso weekend. Se da un lato l’orario di apertura dei bar è stato prolungato fino all’una di notte, dall’altro i bar possono servire alcolici da asporto solo fino alle ore 22.00.

Coronavirus a Napoli: vietato bere alcolici per strada dopo le ore 22

Di contro, però, c’è che i bar, dalle ore 22 fino all’una di notte, potranno servire alcolici solo da bere nel locale. Dunque, dopo tale orario sarà vietato assumere bevande alcoliche per strada. L’ordinanza firmata del governatore De Luca riporta che c’è “obbligo di somministrazione esclusivamente al banco o ai tavoli a partire dalle ore 22 in applicazione dei principi di proporzionalità e ragionevolezza“. 

Il motivo principale, come riporta l’ordinanza è da attribuire ai “numerosi assembramenti di giovani nelle ore serali e notturne, nella maggior parte dei casi in prossimità degli esercizi nei quali è consentita la vendita da asporto di bevande alcoliche, con conseguente consumo delle stesse all’esterno dei locali e zone adiacenti”. 

Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, invece, aveva intenzione di aprire i locali pubblici h24, per evitare gli assembramenti. A Benevento, invece, il sindaco Clemente Mastella ha vietato la vendita di bibite in lattine o in contenitori di vetro. Gli unici bicchieri consentiti sono quelli monouso, e i titolari dei locali sono stati obbligati mediante ordinanza a effettuare la raccolta differenziata per venire incontro ai problemi ecologici legati all’aumento dei bicchieri monouso utilizzati. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Penso che effettivamente anticipare l'orario con il quale è possibile bere alcolici per strada sia ragionevole. Spesso, il sabato sera ci si riunisce all'aperto con gli amici per bere una birra, creando di fatto assembramenti, anche non intenzionali. Se, invece, il consumo è fatto nel bar, il titolare può controllare più facilmente il numero di persone presenti.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

29 maggio 2020 - 13:35:53

Darth Lukar e la movida sul pianeta Campania: una storia di lanciafiamme :D

0
Rispondi
Fabrizio Ferrara
Francesco Menna

29 maggio 2020 - 16:07:49

Ahahahahah è fantastico tutto ciò!

0