Iscriviti

Napoli, becchino canta e ride con la bara in auto: il video scatena una bufera

Il video di un becchino che canta e ride mentre trasporta una salma finisce in rete e scatena il caos: “Possiamo solo dirci imbarazzati e pieni di vergogna”

Cronaca
Pubblicato il 24 settembre 2019, alle ore 10:16

Mi piace
1
0
Napoli, becchino canta e ride con la bara in auto: il video scatena una bufera

Quella che può sembrare una scena divertente, che vede protagonista un uomo che canta in auto, si è trasformata in un vero e proprio incubo per chi rideva di gusto a bordo di quella vettura, dal momento che non si tratta di un’auto qualunque ma di un “carro funebre” con tanto di bara a bordo.

Un video che, per errore probabilmente, è finito sui social ed è bastato davvero poco per far nascere una bufera di polemiche e commenti contro l’autista e l’autore delle riprese.

Se da una parte c’è infatti chi ci ha riso sopra, ironizzando magari sulla scelta discutibile del brano, dall’altra ci sono tutte quelle persone che invece considerano questo gesto come una mancanza di rispetto verso il defunto e verso i suoi cari.

Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi, ha commentato voluto commentare la vicenda in modo stringato ma d’impatto: “siamo basiti”. Anche l’Eccellenza Funeraria Italiana (Efi) ha subito commentato l’accaduto prendendo le distanze dal protagonista del video.

I delegati di Napoli dell’associazione di categoria hanno dichiarato: “Riguardo al video virale, che ritrae un operatore del comparto funebre campano improvvisare un macabro e raccapricciante karaoke mentre trasporta un feretro, possiamo solo dirci imbarazzati e pieni di vergogna.

Poi aggiungono: “Possiamo solo scusarci con quanti si sono sentiti offesi da questo pietoso siparietto, e ribadire che la categoria professionale che rappresentiamo è ben altra cosa. Chi lavora nel comparto funebre deve essere educato al contegno, al rispetto, all’empatia”.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!