Iscriviti

Monza, pitbull azzanna due bambini nel cortile di casa: gravi le loro condizioni

Solo due mesi prima aveva aggredito un bambino di 8 anni, questa volta lo stesso pitbull ha azzannato due bambini di 6 e 7 anni mentre giocavano nel cortile di casa.

Cronaca
Pubblicato il 14 aprile 2019, alle ore 10:30

Mi piace
1
0
Monza, pitbull azzanna due bambini nel cortile di casa: gravi le loro condizioni

Sono passati appena un paio di mesi da quando un pitbull di proprietà di un 37enne residente nelle case comunali di via Monte Sabotino a Limbiate, ha aggredito un bambino di 8 anni. Lo stesso cane ha azzannato nuovamente due bambini, di 6 e 7 anni, mentre stavano giocando nel cortile di casa.

Secondo quanto è stato riferito, i due cuginetti sono stati portati, in gravi condizioni, presso l’ospedale San Gerardo di Monza; qui, hanno subito un intervento. Non sembrerebbero in pericolo di vita.

L’aggressione del pitbull

L’aggressione è avvenuta nel pomeriggio della giornata di ieri, sabato 13 aprile, verso le 16:30. Due bambini di 6 e 7 anni stavano giocando nel cortile di casa, quando il pitbull di una famiglia residente nello stabile, ha saltato la recinzione del balcone e si è avventato contro i bambini.

Le urla dei piccoli hanno allarmato i condomini che sono così subito corsi il loro aiuto, mentre due persone sono riuscite ad allontanare il cane dalle vittime; un terzo adulto ha chiamato i soccorsi. Sul posto, sono giunti, oltre a due ambulanze, i Carabinieri di Desio e la Polizia locale.

Mentre i bambini sono stati trasportati in gravi condizioni presso l’ospedale San Gerardo con ferite al volto e alle braccia, il pitbull è stato portato via. Il padrone del cane, di origine ecuadoriana, ha seguito le forze dell’ordine in caserma ed è stato denunciato.

Secondo quanto è stato affermato dai residenti dello stabile, le forze dell’ordine erano già state allarmate riguardo la pericolosità del cane; il pitbull, infatti, girava senza museruola e senza un guinzaglio, nonostante soli due mesi prima avesse aggredito anche un altro bambino di 8 anni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Purtroppo ci ritroviamo ad incolpare un animale che di colpe non ne ha. In queste situazioni è da puntare il dito contro i padroni che non prendono le precauzioni necessarie per evitare queste tragedie che mettono a rischio la vita di molte persone e spesso dei più piccoli.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!