Iscriviti

Modena: pensionato uccide a coltellate la moglie in casa e tenta il suicidio

Tragedia a Salto di Montese, dove ieri il 71enne Grazio Lancellotti ha ucciso a coltellate la moglie Anna Bernardi, di 67 anni. Dietro l'omicidio ci potrebbe essere il dramma della disperazione.

Cronaca
Pubblicato il 19 novembre 2021, alle ore 12:00

Mi piace
0
0
Modena: pensionato uccide a coltellate la moglie in casa e tenta il suicidio

Tragedia ieri a Salto di Montese, sugli Appenini della provincia di Modena dove, nella villetta familiare di  via Fucina, il 71enne Grazio Lancellotti ha ucciso a coltellate la moglie 67enne Anna Bernardi. Dietro l‘omicidio potrebbe esserci l’ennesimo dramma della disperazione.

Si tratta del terzo delitto in tre giorni nel Modenese, dopo la strage familiare di mercoledì a Sassuolo e il caso di Carlo Evangelisti, il 48enne che il giorno prima ha ucciso la madre, a Modena. 

L’accaduto 

Il figlio della coppia aveva provato a chiamare più volte a casa dei genitori, senza ricevere alcuna risposta. Così si è collegato con la telecamera via web, scoprendo la tragedia. E’ stato lui stesso a chiamare i soccorsi ma gli operatori, accorsi sul luogo in cui si è compiuto l’omicidio, hanno potuto fare davvero poco per la donna. 

Chi conosceva la coppia, la descriveva come tranquilla e unita, ma che, a causa delle condizioni di salute precarie di entrambi, stava vivendo, da qualche tempo, una situazione personale difficile. Pare che la vittima soffrisse di depressione e che si fosse rinchiusa in casa, dato che in paese nessuno la vedeva da diverso tempo. A prendersi cura di lei, l’anziano marito. La situazione, già di per se delicata, è peggiorata quando all’uomo, pensionato, ex autista di autobus, sono stati diagnosticati i primi sintomi di Alzheimer. 

Dai primi rilievi degli inquirenti, il dramma si era consumato già da tempo quando sono arrivati i primi soccorsi del 118 e i vigili del fuoco, nelle prime ore del mattino. L’unico che potrebbe aiutare gli inquirenti a far luce sull’accaduto è l’omicida, pensionato, ex autista di autobus, attualmente piantonato all‘ospedale di Baggiovara, dove è ricoverato dopo aver tentato il suicidio, rivolgendo la lama del coltello da cucina con cui ha ucciso la consorte, verso di lui. L’arma bianca è stata ritrovata dai carabinieri e sequestrata.

E’ stato proprio Grazio ad aprire la porta ai soccorritori, tutto sporco di sangue, nella mattina di giovedì, senza dare spiegazioni sull’accaduto. La moglie è stata ritrovata in una pozza di sangue a letto, dove probabilmente è stata raggiunta e accoltellata dal marito. Il sindaco di Salto di Montese ha dichiarato: “A nome mio e dell’intera comunità esprimo il mio più sentito cordoglio e la vicinanza ai familiari e ai conoscenti della vittima della tragedia in località Fucina a Salto di Montese”. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Un omicidio dettato dalla disperazione, che si sarebbe forse potuto evitare se qualcuno avesse capito la gravità della situazione che la coppia stava vivendo a causa dei problemi di salute di entrambi. Porgo le mie più sentite condoglianze ai familiari della vittima, stringendomi al loro dolore, augurandomi che gli inquirenti facciano luce sulla vicenda.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!