Iscriviti

Modena, bambino di 6 anni scappa di casa per andare a scuola

Si sveglia all'alba ed esce di casa prima che i genitori se ne accorgano: bambino di 6 anni trovato a piedi in tangenziale nella provincia di Modena, nella strada verso scuola.

Cronaca
Pubblicato il 11 giugno 2019, alle ore 08:39

Mi piace
1
0
Modena, bambino di 6 anni scappa di casa per andare a scuola

Una storia curiosa che fortunatamente ha un lieto fine quella che arriva da Carpi, in provincia di Modena, dove una pattuglia di carabinieri, nelle primissime ore della mattinata di ieri, lunedì 10 giugno, ha trovato un bambino di appena 6 anni che camminava da solo ai bordi della tangenziale Bruno Losi.

C’è stato molto stupore da parte dei carabinieri nel vedere il piccolo alunno con lo zainetto alle spalle incamminarsi in quella strada trafficata e molto pericolosa. Con estrema prudenza, i militari di Carpi si sono avvicinati al piccolo per cercare di comprendere che cosa stesse accadendo, e la risposta che hanno ricevuto dal bambino è stata ancora più sbalorditiva.

Il giovanissimo studente ha raccontato ai carabinieri di essersi alzato molto presto quella mattina, di essersi lavato e vestito senza l’aiuto dei genitori che stavano ancora dormendo, per poi, verso le 5:30, orario in cui è stato trovato in strada, incamminarsi verso la sua scuola. L’anno scolastico si è infatti concluso, ma evidentemente la volontà del piccolo di continuare a trovarsi con i suoi amici l’ha spinto a “scappare di casa”. 

I carabinieri hanno preso in custodia il bambino e hanno contattato i genitori che nel frattempo si erano svegliati facendo la spaventosa scoperta della scomparsa del figlio, e mettendo così in moto le ricerche. Una volta verificata la storia del piccolo, con forse un po’ di disapprovazione del bambino stesso, i militari lo hanno lasciato nuovamente tra le mani dei genitori.

Un desiderio del bambino

Prima di salutare il giovane alunno, i carabinieri si sono visti rivolgere una richiesta particolare da parte del bambino, un piccolo sogno che da tempo custodiva. Il piccolo ha chiesto di poter scattare una foto mentre indossava il berretto d’ordinanza dei carabinieri, e così il suo sogno si è avverato, con la speranza che rimanga ora al fianco di mamma e papà.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Una storia senza dubbio molto curiosa, viste soprattutto le numerose e spaventose notizie che ci giungono e che vedono studenti e alunni maltrattati proprio dentro a quelle mura scolastiche. Spero che un giorno tutti i bambini possano provare la stessa emozione e volontà di recarsi a scuola che gli farebbe compiere pazzie come ha fatto questo bimbo, senza però farle per davvero!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!