Iscriviti
Genova

Minacce e insulti dei no vax contro Bassetti: scatta il blitz della Digos

L'infettivologo Matteo Bassetti ha presentato querele a seguito di diversi episodi ai suoi danni da parte dei no vax che oggi si sono tradotte in un blitz della Digos in tutta Italia.

Cronaca
Pubblicato il 30 novembre 2021, alle ore 12:34

Mi piace
0
0
Minacce e insulti dei no vax contro Bassetti: scatta il blitz della Digos

“A morte Bassetti”. E’ la scritta comparsa su un sedile di un autobus ATM di Genova. Qualcuno poi ci ha messo una riga e una W. Alla luce di questi ultimi episodi, l’infettivologo Matteo Bassetti ha deciso di dire basta, stanco di continuare ad assistere a questi attacchi vili e violenti senza che nessuno venga punito. 

La sua denuncia aveva già fatto scattare un’inchiesta della Polizia postale e delle Comunicazioni della Liguria, che ha portato all’individuazione di gruppi no vax molto attivi su Telegram che, secondo l’accusa, oltre alle minacce, avrebbero organizzato blitz violenti contro istituzioni e servizi pubblici.

Il blitz di stamattina 

Dopo le querele presentate da Matteo Bassetti, a seguito di diversi episodi ai suoi danni, è scattata l’inchiesta, coordinata dalla Procura di Genova, che ha interessato agenti della Digos sparsi da nord a sud Italia. All’alba di oggi, 30 novembre, gli agenti della Digos hanno eseguito persecuzioni nei confronti di 9 persone, ritenute appartenenti a gruppi no vax, tutte accusate di stalking in concorso ai danni di Matteo Bassetti. 

All’operazione, oltre alla Digos di Genova, hanno preso parte gli uffici competenti della polizia di Milano, Napoli, Avellino, Lecce, Modena, Parma e Trento, con il coordinamento della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione e la collaborazione dei compartimenti di Polizia Postale territorialmente competenti. L’inchiesta ha permesso di identificare, complessivamente, 36 persone, iscritte nel registro degli indagati nel fascicolo della Procura di Genova che ipotizza per loro , a vario titolo, i reati di istigazione a delinquere, atti persecutori, minaccia aggravata, diffamazione e molestie. 

Cosa è accaduto nei mesi scorsi 

Da diversi mesi il direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova è bersaglio di offese e insulti di attivisti contrari al vaccino, tra minacce di morte, inquietanti avvertimenti, aggressioni verbali. La scritta “A morte Bassetti”, eseguita con un pennarello, rende perfettamente l’idea di odio creatosi non solo attorno a Bassetti ma attorno al mondo scientifico, promotore della campagna vaccinale. Quanto è accaduto all’infettivologo è stato tutto un escalation che ha raggiunto il culmine l’estate appena trascorsa, quando il numero del professore è stato diffuso sulla chat di Telegram, piattaforma utilizzata dai no Vax per veicolare anche i loro contenuti più forti. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Speriamo che questo clima di odio nei confronti dell'infettivologo Bassetti, grazie ai blitz in corso in queste ore in tutta Italia, possa arrestarsi, e che i responsabili vengano puniti con sanzioni commisurate alla gravità del reato commesso. Con che coraggio si può arrivare a minacciare di morte un uomo che si sta battendo contro la pandemia?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!