Iscriviti

Mihaela, uccisa a coltellate a Quartu Sant’Elena: per i vicini era una morte annunciata

Qualche ora dopo il ritrovamento del cadavere di Mihaela Kleics, a Quartu Sant'Elena, è stato rintracciato il suo presunto assassino. Per i vicini di casa era una morte annunciata.

Cronaca
Pubblicato il 14 dicembre 2021, alle ore 15:04

Mi piace
0
0
Mihaela, uccisa a coltellate a Quartu Sant’Elena: per i vicini era una morte annunciata

Ennesimo femminicidio in Italia, in provincia di Cagliari. Una morte tragica quella di Mihaela Kleics, 50enne romena, è stata uccisa, o meglio, massacrata, da almeno 30 coltellate. Il suo cadavere è stato trovato ieri dai carabinieri al terzo piano della palazzina numero 150 di via della Musica a Quartu Sant’Elena.

Il corpo senza vita giaceva sul letto e la donna aveva i vestiti pieni di sangue. A lanciare l’allarme la sorella della vittima che preoccupata perchè non riusciva a rintracciarla, ha lanciato l’allarme.

La testimonianza dei vicini e il fermo del presunto omicida

Nelle scorse settimane, i carabinieri erano stati chiamati dai vicini di casa di Mihaela, preoccupati per le urla che provenivano dall’appartamento della vittima. Alcuni incquilini della palazzina raccontano: “Li abbiamo sentiti litigare”, “lui urlava:’ti ammazzo, ti ammazzo’, mentre lei lo invitava ad andarsene“. Per i vicini si è trattato di una morte annunciata, dato che in passato era persino intervenuta un’ambulanza per medicare la donna.

Qualche ora dopo il ritrovamento del cadavere di Mihaela, i militari, grazie all’attività informativa e attraverso le celle della telefonia mobile, sono riusciti a fermare il suo compagno, Sandro Sarais, 56enne sardo, che attualmente è piantonato all’ospedale Brotzu di Cagliari., accusato di omicidio volontario. L’uomo, raggiunto dai militari, ha tentato il suicidio, tagliandosi gola e polsi. Sandro Sarais è stato rintracciato nel tardo pomeriggio di ieri ed era nascosto in auto nelle campagne di Castiadas, nel sud Sardegna, vicino a un cavalcavia.

Dopo il tentativo di suicidio, è stato trasportato in ospedale, dove è attualmente piantonato dai carabinieri in stato di fermo, in attesa di essere ascoltato dagli incquirenti. La vittima, in passato, aveva presentato una denuncia formale nei suoi confronti. Quando i carabinieri sono arrivati nella casa in via della musica e hanno aperto la porta, hanno scoperto che la casa era in ordine, l’uscio intatto e che dell’uomo che da qualche mese conviveva con la vittima, non vi era alcuna traccia.Mihaela è stata uccisa barbaramente nella mansarda presa in affitto al terzo piano e da subito le ricerche dei carabinieri di Cagliari, si sono concentrate sul compagno della donna. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Un delitto terribile, l'ennesimo caso di femminicidio in Italia che ci dimostra quanto questa sia una piaga davvero difficile da estirpare nonostante gli interventi legislatiivi e le denunce delle vittime. Mi auguro che l'uomo, se ritenuto colpevole, marcisca in carcere, porgendo invece le mie più sentite condoglianze ai familiari della povera vittima.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!