Iscriviti

Migranti in rivolta per il cibo italiano non gradito: "Dateci i soldi al posto dei pasti"

I migranti ospiti a Pisa, presso l’ex Cottolengo di via San Jacopo, hanno messo in scena una protesta inconcepibile: non amando i pasti ricevuti hanno chiesto soldi al posto del cibo offerto. Il presidente della Cri, in qualche modo, intende accontentarli.

Cronaca
Pubblicato il 12 ottobre 2017, alle ore 11:36

Mi piace
8
0
Migranti in rivolta per il cibo italiano non gradito: "Dateci i soldi al posto dei pasti"
Pubblicità

A Pisa, presso l’ex Cottolengo di via San Jacopo, 178 ospiti del centro di accoglienza, gestito dalla Croce Rossa, hanno messo in atto una protesta decisamente inconcepibile. I migranti hanno sbarrato il cancello del plesso con numerosi cassonetti, non consentendo agli operatori di entrare, il caos ha preso il sopravvento: chiedevano, a gran voce, soldi al posto del cibo offerto.

Il pasto proposto dal catering non era, a quanto pare, di loro gradimento ed esigevano soldi contanti per acquistare cibo etnico da cucinarsi autonomamente. Il presidente della Cri, Antonio Cerrai ha commentato: “E’ una richiesta irricevibile perché questa soluzione la si può adottare in strutture più piccole e con altri numeri ma soprattutto ipotizzo che si tratti di una richiesta strumentale suggerita da persone ‘esterne’ al centro che così fanno male anche agli stessi ospiti”.

I migranti si sono barricati all’interno della struttura tutto il giorno e solamente in tarda serata hanno accettato di fermare l’assurda protesta inscenata. La situazione all’interno del centro è tornata alla normalità verso le 19.30: la mediazione per ristabilire la calma è stata condotta direttamente dal presidente Antonio Cerrai insieme al vicesindaco di San Giuliano Terme, Franco Marchetti, il maresciallo dei carabinieri e il funzionario della questura.

Marchetti si recherà nuovamente presso la struttura perchè, come ha affermato, dare i soldi al posto dei pasti non è possibile, ma ha proposto di farsi garante delle loro richieste e di verificare settimanalmente di persona che siano rispettati gli impegni dalla Croce Rossa: intende ribadire ai rappresentanti dei migranti di non farsi strumentalizzare e di non interrompere questo processo di accoglienza. Per la serie arrivo a pregarli per rimanere.

Cerrai, nell’assemblea con i richiedenti asilo, aveva affermato che in altre strutture il catering è stato modificato con una cucina prossima alle richieste dei migranti, ma che certamente 178 persone non possono cucinare da sole: ha assicurato, inoltre, di essere disponibile a collocare un container certificato con 3-4 linee di cottura e di andare ad acquistare il cibo nei negozi etnici presenti sul territorio.

Una residente, che abita a fianco dell’ex Cottolengo, ha affermato che la situazione è assurda, che dovrebbero comprendere che sono a casa d’altri ed avere un minimo di rispetto “basti pensare al baccano che fanno la notte con la musica a tutto volume fino all’alba“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Chiara Lanzini

Chiara Lanzini - Vicende surreali in un contesto bizzarro ove pare evidente che dietro l'accoglienza si nasconda un immenso flusso di denaro atto a rimpinguare le casse di alcuni. Chi viene realmente dalla fame, dalla miseria, si accontenta del cibo offerto, non richiede certamente un menù personalizzato ove scegliere la pietanza di gradimento.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!