Iscriviti
Roma

Medico dà in comodato d’uso gratuito per 20 anni centro ricreativo agli anziani del suo paese

Un medico in pensione, Paolo Boni, di Monte Porzio Catone ha comprato, ristrutturato e dato in comodato d'uso gratuito per 20 anni al Comune un centro per i tanti anziani che vivono in paese.

Cronaca
Pubblicato il 8 maggio 2017, alle ore 14:57

Mi piace
13
1
Medico dà in comodato d’uso gratuito per 20 anni centro ricreativo agli anziani del suo paese

Ci sono storie vere, belle, di un’Italia molto spesso nascosta, che merita invece di essere raccontata e quella del dottor Paolo Boni è una di queste. Una vita passata al servizio degli altri, dei più bisognosi, volontario della Croce Rossa, consigliere comunale, ed ora anche filantropo per la sua comunità.

Paolo Boni è un medico in pensione che sta facendo notizia in queste ore più che per la sua carriera medica, per un nobile gesto: ha dato in comodato d’uso gratuito per 20 anni al Comune un centro per gli anziani. Un’esigenza fortemente sentita a Monte Porzio Catone, dove le scarse risorse dell’amministrazione comunale non bastavano per affrontare una spesa sociale così importante.

Ma a scendere in campo per sostenere le esigenze degli anziani della sua comunità è stato il 70enne dottor Boni, che ha comprato un vecchio ristorate in disuso in una zona centrale del paese, l’ha fatta ristrutturare adeguandola anche con sistemi di riscaldamento e raffreddamento, e l’ha data in comodato d’uso gratuito all’amministrazione comunale.

Tra l’acquisto dell’immobile e la ristrutturazione, il dottor Boni ha speso quattrocento mila euro. A cui si aggiungono anche i soldi per il pagamento delle relative tasse. Tutto questo ha voluto farlo per la gente del suo paese, che altro non è che la sua comunità, la sua vita.

Anche il padre del medico filantropo fu medico condotto del paese, e gli anziani del posto raccontano che era solito visitare a domicilio chi ne avesse bisogno senza mai farsi pagare. Tante volte capitava, invece, che i malati – quelli più bisognosi – si ritrovavano, dopo il suo passaggio, del denaro sotto il cuscino.

La moglie del dottor Paolo Boni, Daniela, anche lei medico ormai non c’é più, dunque per quest’uomo la cosa più importante che gli resta e su cui può contare è proprio la sua comunità.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tiziana Terranova

Tiziana Terranova - Quella del dottor Boni è senza dubbio una storia bella, che merita tutta la nostra considerazione e condivisione. Un esempio di ponti che si costruiscono, di vera solidarietà e di quel senso di comunità che nella società digitale e multimediale moderna, è venuto completamente a mancare. Una testimonianza importante della buona filantropia, dietro a cui c'è solo un grande uomo e un grande cuore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!