Iscriviti

Medici "No Vax": pubblicati i numeri, ad oggi sono sospesi 644 medici

La FNOMCeO ha pubblicato i dati relativi alle sospensioni dei medici che si sono rifiutati di fare il vaccino covid. Alcuni dei medici "NoVax" con il modificarsi delle normative hanno deciso di vaccinarsi e mantenere il loro posto di lavoro

Cronaca
Pubblicato il 12 settembre 2021, alle ore 18:34

Mi piace
0
0
Medici "No Vax": pubblicati i numeri, ad oggi sono sospesi 644 medici

La FNOMCeO ha pubblicato i dati relativi al personale medico che si è rifiutato di vaccinarsi contro il covid, fino ad oggi il numero totale di sospensioni del personale medico ammonta a 820 ma dopo l’intoduzione dell’obbligo 176 di questi ha deciso di sottoporsi alla profilassi riottenendo il loro posto di lavoro. Filippo Anelli, il presidente, ha dicharato che la percentuale dei non vaccinati è molto bassa ma ha deciso di rivolgersi a loro sottolineando che il vaccino è un requisito che diventerà permanente.

In base a quanto emerso dell’ultimo report settimanale del governo il 94% del personale sanitario è vaccinato ma da questo emerge che ancora il 6% non è immunizzato. In questo momento il governo sta procedendo alla verifica degli elenchi del personale sanitario non vaccinato, visto che per questa categoria è obbligatorio il vaccino.

Gli elenchi sono ancora da verificare perchè dalle analisi emerge che il 30 o 40% delle persone presenti in questo registro nel frattempo ha provveduto a vaccinarsi o si è vaccinato in altre regioni, oppure non ha potuto farlo per motivi medici. Il presidente Anelli, dell’ordine dei medici chirurghi e odontoiatri, sottolinea che il dato in realtà va ancora rivisto alla luce di questi fatti.

Da una prima stima ufficiale sembra che su 460.000 professionisti 1500 non sono vaccinati, una percentuale molto piccola” secondo il parere di Anelli che dichiara: “credo nel vaccino è un obbligo per un medico. Questo tipo di scoperte hanno rivoluzionato la storia della medicina e noi siamo dalla parte della scienza, sempre impegnati a rendere concreto il progesso dell’umanità”. Filippo Anelli ha sottolineato che durante il covid si sono vissuti momenti drammatici che hanno portato alla morte di 370 colleghi, circa 60 al mese durante le prime ondate, “dopo ci siamo vaccinati e non abbiamo registrato più nessun decesso

Il presidente Anelli si è rivolto ai medici NoVax invitandoli a riflettere sul fatto che questa non si tratta di una sospensione momentanea perchè per esercitare la professione medica, come previsto dalla legge, il vaccino è un requisito essenziale che diventerà permanente. Il dottore ha inoltre invitato i colleghi a non buttare all’aria anni di studi e di ricerche perchè se ci sono dei dubbi si può parlare e cercare di risolverli ragionando sul piano scentifico migliorando le conoscenze.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Daniela Marella

Daniela Marella - Una persona, se è medico, dovrebbe vivere e credere alla medicina, alla scienza e a tutto quello ad esse collegate. Non capisco la motivazione scientifica che li porta a non vaccinarsi. Detto ciò, le leggi sono leggi anche se non ci piacciono e se non si rispettano ci sono delle conseguenze (in ogni campo) ed in questo caso comporta la fine dell'iscrizione all'ordine dei medici e buttar via anni di studi. Tutti siamo artefici del nostro destino ed ogni azione ha la sua conseguenza.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!