Iscriviti

Lotta all’Isis: inviate altre forze armate Usa in Iraq

Obama ha inviato in Iraq altri 350 soldati per tutelare l'ambasciata americana e le strutture diplomatiche. Il nuovo contingente sarà provvisto anche di personale medico e elicotteri, che assicureranno protezione ai diplomatici

Cronaca
Pubblicato il 3 settembre 2014, alle ore 14:35

Mi piace
0
0
Lotta all’Isis: inviate altre forze armate Usa in Iraq

La Casa Bianca ha affermato che il presidente degli Stati Uniti Barack Obama si consulterà con gli alleati della Nato sulle azioni da intraprendere contro l’Isis, anche per creare una forte coalizione internazionale per mettere in atto una strategia efficace nella lotta all’Isis. Il Pentagono aggiunge: “Il Dipartimento della Difesa continuerà a pianificare e preparare ulteriori opzioni militari in Iraq nel caso dovessero essere necessarie”.

Nel frattempo Obama ha già autorizzato lo spiegamento di altri 350 militari in Iraq per proteggere le strutture diplomatiche e l’intero personale americano che opera nella zona; l’aumento delle truppe porterà dunque alla presenza di circa 350 militari americani sul campo a Baghdad, che avranno il compito di rafforzare la sicurezza dell’ambasciata americana e di tutte le strutture che la compongono. La nota di informazione arriva dall’ammiraglio John Kirby, portavoce del Pentagono. Il portavoce aggiunge che il contingente che si accingerà a sbarcare a Baghdad comprenderà personale medico con elicotteri di salvataggio e un’intera squadra di collegamento aereo. L’aumento di militari e personale medico si aggiunge ai dispiegamenti già previsti il 15 giugno e il 30 giugno, e porterà un totale di forze a circa 820 unità, impiegate per assicurare una totale protezione al corpo diplomatico.

Il portavoce fornisce ulteriori informazioni sulla situazione e dice: “In tutto, 405 militari saranno inviati a Baghdad per fornire una sicurezza più robusta e sostenibile. In questo quadro, 55 militari dispiegati a Baghdad da giugno verranno dispiegati fuori dall’Iraq e rimarranno pronti per gestire altre urgenze di sicurezza nella regione, se necessario”.

C’è stato anche un nuovo raid delle forze americane contro l’Isis in Iraq, che proprio ieri ha annunciato di aver decapitato un altro ostaggio americano, Steven Sotloff. In queste ultime ore, alcuni cacciabombardieri americani hanno abbattuto una postazione dei miliziani jihadisti in prossimità della diga di Mosul. Il Comando centrale Usa ha fatto sapere che 16 veicoli armati sono stati distrutti o danneggiati e ha precisato che fino adesso i caccia Usa hanno volato in Iraq compiendo complessivamente 124 raid aerei contro i miliziani dell’Isis. La situazione è incandescente; si spera di riuscire a sconfiggere l’Isis e salvare gli altri ostaggi, la cui sorte è ancora incerta.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!