Iscriviti

Lodi, perde lavoro e casa e si toglie la vita in diretta social

Vittorio Miolla è l'ennesima vittima economica del nostro Paese. Dopo aver perso lavoro e casa, si è tolto la vita in diretta Facebook nei pressi della tenda in cui viveva da sei mesi.

Cronaca
Pubblicato il 10 ottobre 2021, alle ore 12:32

Mi piace
0
0
Lodi, perde lavoro e casa e si toglie la vita in diretta social

È un periodo buio, quello in cui stiamo vivendo, per molte persone. Il Covid e l’emergenza sanitaria hanno dato il colpo di grazia a molte persone nel nostro Paese. Una delle ultime vittime si chiamava Vittorio Miolla, “Papi l’americano” per gli amici. Aveva 49 anni e dopo aver perso lavoro e casa viveva in una tenda da sei mesi, ai margini della società e affetto da problemi di salute.

Nel pomeriggio dello scorso venerdì, 8 ottobre, Vittorio ha deciso di togliersi la vita, impiccandosi ad un albero in un campo non distante dalla tenda in cui viveva e poco lontano dall’autostrada Milano-Napoli, a Lodi. Ma ancora più sconcertante è stato il fatto che il suicidio è avvenuto in diretta Facebook. Il 49enne si è ripreso con il suo smartphone mentre esalava il suo ultimo respiro.

I carabinieri della stazione di Lodi Vecchio sono stati infatti allertati da una conoscente dell’uomo, collegata al social in quel momento, la quale ha in seguito dichiarato: “Ho visto la scena  e ho chiamato immediatamente il 112. Ho cercato anche di dare loro indicazioni abbastanza precise su dove di norma lui viveva, in un campo non lontano dall’autostrada. Purtroppo non sono arrivati in tempo, il luogo è difficile da raggiungere“.

La telecamera dello smartphone era ancora attiva quando i carabinieri hanno ritrovato il corpo ormai senza vita di Vittorio, poco dopo le 19. L’uomo era molto conosciuto in paese – era considerato un uomo buono ma sfortunato – e aveva lavorato in un’azienda chimica del territorio, prima di perdere il lavoro a causa di un ictus. La casa invece l’aveva persa dopo la separazione dalla moglie e viveva con il solo reddito di cittadinanza.

Aveva rifiutato l’aiuto dei servizi sociali, i quali gli avevano offerto un alloggio in case di accoglienza o alloggi protetti. Ma nell’ultimo periodo il clima autunnale aveva influito molto sulla condizione del 49enne. Vittorio era solito registrare una diretta Facebook ogni mattina dalla sua tenda per raccontare la sua vita e in una di queste dirette aveva recentemente dichiarato di volerla fare finita: “Un’altra notte al freddo non la passo“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marcella Chimenti

Marcella Chimenti - È veramente triste apprendere una notizia del genere. Evidentemente ci si sente talmente impotenti da non vedere altra via di uscita se non quella della morte. Non so cosa possa passare per la testa di una persona in determinati frangenti e non sono mai riuscita ad avere un'opinione obiettiva su chi decide di scegliere la via del suicidio. Non so se ci vuole più coraggio per togliersi la vita o per continuare a viverla in assenza di dignità.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!