Iscriviti

Lodi, Giulia Scaffidi muore a 17 anni: la ragazza soffriva di anoressia

Giulia Scaffidi è morta a 17 anni. La ragazza,che da 3 anni soffriva di anoressia, è deceduta il 25 novembre all'ospedale di Lodi. Pesava solo 26 chili.

Cronaca
Pubblicato il 28 novembre 2021, alle ore 11:24

Mi piace
0
0
Lodi, Giulia Scaffidi muore a 17 anni: la ragazza soffriva di anoressia

Si sono svolti ieri, sabato 27 novembre, nella parrocchia di San Martino Pizzolano, in provincia di Lodi,  i funerali di Giulia Scaffidi, la 17enne deceduta il 25 novembre scorso a Lodi, nel reparto di pediatria dell’ospedale di Lodi,  in cui era ricoverata a causa di complicazioni legate all’anoressia, di cui soffriva da 3anni.

Giulia avrebbe compiuto 18 anni tra un mese ma il suo cuore non ce l’ha fatta. E’ stato suo fratello Tony, in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, a raccontare l’accaduto, puntando il dito contro ifalsi messaggi che arrivano dal mondo delle fashion blogger. Per questo fa un appello affinché la tragedia di sorella non si ripeta ancora: “Le fashion blogger diano l’esempio per prime, evitino di accostare il raggiungimento della forma perfetta ai sacrifici alimentari. Si è belle anche con qualche chilo in più. Io sono pronto a dare una mano se serve. A mostrare le foto di come era diventata Giulia perché altre ragazze non cadano più in quest’errore”

L’accaduto

Giulia è stata ricoverata il 24 novembre in gravi condizioni, è entrata in coma alle 5 del 25 novembre ed è deceduta nel pomeriggio. Negli ultimi 3 mesi pesava appena 26 chili.  Il fratello 37enne della vittima, Tony,  che lavora come art director e make-up artist, dice che “Giulia si vedeva perfetta così,voleva fare la modella“, aggiungendo: “Si truccava ogni giorno,  usava creme per il viso e smalti per far risaltare quella bellezza che, dal suo punto di vista, aveva finalmente raggiunto”.  Tony ha dichiarato: “Come mia sorella ne ho viste fin troppe. Modelle che nella spasmodica ricerca della perfezione fisica vivono una vita di privazioni”.

Quattro anni fa era morto il papà ma, nonostante il dolore, secondo mamma Elena non sarebbe stata quella la causa della malattia di Giulia. Lei era ossessionata dal corpo, “non mangiava nulla, beveva solo acqua bollente, saliva e scendeva le scale di casa in piena notte per tenersi in forma”. Collassi e ricoveri, tanti, e ogni volta che veniva dimessa si riprometteva di smettere, dicendo “sono stanca dei medici”. 

Ma poi ci ricadeva, sistematicamente. Fino all’ultimo ricovero, quello nell’ospedale di Lodi, dal quale non è uscita mai più.  Giulia era bella, con un sorriso solare e una cascata di riccioli biondi. Ma un tarlo che la divorava dentro, quel sogno della perfezione fisica attraverso la magrezza che poi sarebbe sconfinato nell’anoressia che l’ha portata alla morte.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Non ci sono parole per descrivere questa tragedia. Una splendida ragazza, vittima dell'anoressia che l'ha portata alla morte. Una piaga sociale sempre più frequente, specie tra le ragazzine, che perseguono la perfezione fisica tanto decantata dalle fashion blogger. Ai genitori di adolescenti, vorrei rivolgere un appello: prestate attenzione ai segnali lanciati dai vostri figli per scongiurare il peggio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!