Iscriviti

Lo investe con l’automobile dopo una lite, muore 28enne di Scauri

A Scauri, frazione del comune di Minturno (LT), si è verificato un terribile omicidio. Un 35enne del posto investe ed uccide con la propria Ford Fiesta, Cristiano Campanale, giovane di soli 28 anni.

Cronaca
Pubblicato il 26 gennaio 2019, alle ore 07:19

Mi piace
5
0
Lo investe con l’automobile dopo una lite, muore 28enne di Scauri

Nella giornata di ieri, a Scauri, frazione della cittadina di Minturno (in provincia di Latina), si è verificato un terribile omicidio, molto probabilmente volontario, ora al vaglio delle forze dell’ordine e del pubblico ministero, la dottoressa Siravo.

Il fatto si è verificato davanti al supermarket “Sottozero”, in via Antonio Sebastiano, alle ore 18:40 circa. La vittima, Cristiano Campanale, 28enne del posto, al momento dell’investimento, passeggiava tranquillamente sul marciapiede antistante un negozio di prodotti surgelati. All’improvviso, Eduardo Di Caprio, proprietario del negozio di surgelati, alla guida della sua Ford Fiesta, è piombato a gran velocità sul giovane falciandolo a morte. Inutili i soccorsi del 118, arrivato prontamente sul posto, il giovane purtroppo è spirato poco dopo in ambulanza.

Le indagini

Stanno ora indagando i Carabinieri della Compagnia di Formia, agli ordini del maggiore David Pirrera, su quale possa essere stato il movente dell’omicidio. 

Intanto, Di Caprio è stato arrestato dai Carabinieri e trasferito in carcere in attesa che si concludano le indagini e del processo. Il PM che sta dirigendo le indagini è la dottoressa Maria Beatrice Siravo.

Alcuni testimoni oculari hanno riferito ai Carabinieri di Scauri, che l’investimento sarebbe stato volontario, in seguito ad una violenta lite avvenuta tra il proprietario del supermarket ed il figlio del proprietario di una nota pizzeria del posto. Sempre i testimoni hanno confermato che la vittima stava passeggiando tranquillamente sul marciapiede antistante l’attività commerciale del Di Caprio, ignaro del pericolo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Carlo Crescenzi

Carlo Crescenzi - A mio avviso, questo è stato un gesto mosso dall'ira e tremendamente barbaro. Attendo che le forze dell'ordine ed in particolare gli uomini dell'Arma dei Carabinieri, congiuntamente al PM Siravo, facciano luce su un omicidio così truce. Mi unisco al cordoglio della famiglia Campanale, per la perdita del giovane Cristiano. Un ragazzo di 28 anni non può morire così.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!