Iscriviti

ll Circolo Filatelico Peloritano di Messina festeggia i suoi "primi" 40 anni di vita

Era, infatti, il 28 dicembre del 1978 quando un gruppo di amici con la passione in comune per il mondo dei francobolli, e non solo, diede vita a questo sodalizio.

Cronaca
Pubblicato il 13 dicembre 2018, alle ore 00:51

Mi piace
10
0
ll Circolo Filatelico Peloritano di Messina festeggia i suoi "primi" 40 anni di vita

Per festeggiare l’evento, il prossimo 18 dicembre, con la “Giornata della Filatelia” si aprirà una mostra a tema natalizio presso i locali della “Città Metropolitana” sita in via Cavour.

L’esposizione, che vedrà la partecipazione di alcune collezioni dei soci, potrà essere ammirata fino al 6 gennaio, con alcune pause nei giorni festivi, e sarà dedicata al Natale con collezioni filateliche a tema e una parte riservata ad alcuni personaggi che hanno fatto la storia di Messina (Giuseppe La Farina, Giovanni Pascoli, Salvatore Quasimodo, Felice Bisazza).

Il 18 dicembre, ad impreziosire la giornata di apertura, anche un annullo speciale concesso da Poste Italiane, in uso dalle ore 10 alle 16 e con il quale poter ricordare nel tempo questo “compleanno”, attraverso l’apposizione del timbro in una cartolina a tiratura limitata realizzata per l’occasione dalla stessa associazione, e sulla quale sarà possibile apporre il francobollo natalizio uscito lo scorso primo dicembre.

Una buona occasione per ritornare ai vecchi tempi, scrivendo la cartolina che poi potrà essere spedita ad amici e parenti per gli auguri.

Il circolo filatelico è dedicato alla memoria di due collezionisti che hanno fatto la storia della filatelia messinese: Giuseppe Fonseca (primo storico presidente, per trent’anni circa) e Cosimo Martella (suo “braccio destro”), che hanno portato il buon nome del Peloritano in giro non solo per il Continente, riuscendo ad ottenere prestigiosi riconoscimenti in seno alla Federazione tra le società Filateliche Italiane come l’iscrizione nell’Albo d’oro della filatelia e tre titoli di “campione d’ Italia”.

Storia dell’associazione sono le molte mostre “Peloro”, che nel panorama collezionistico sono state punto di riferimento del calendario espositivo. Oggi, anche se quei fasti sono difficili da ripete, la caparbietà dei soci rende possibile comunque portare avanti iniziative di promozione per la filatelia nel territorio, non ultima lo scorso mese di giugno con il ricordo di Salvatore Quasimodo nel cinquantesimo anniversario della scomparsa. Ad anticipare la manifestazione, una conferenza stampa programmata per venerdì mattina.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Triolo

Antonio Triolo - Quella oggetto dell'articolo è un'associazione alla quale personalmente sono iscritto e che, come dice il testo, in un tempo in cui il francobollo viene visto di rado, cerca comunque di promuovere questa passione per uno degli oggetti ancora più collezionato dalle persone in tutto il mondo. Il francobollo - infatti - è cultura, storia, e tradizioni.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!