Iscriviti
Roma

Lite tra sorelle: clandestina aggredisce poliziotti a colpi di mannaia

Una donna di 31 anni risultata clandestina in Italia è stata arrestata per aver minacciato ed aggredito dei poliziotti intervenuti per sedare la lite con la sorella.

Cronaca
Pubblicato il 14 agosto 2021, alle ore 23:48

Mi piace
0
0
Lite tra sorelle: clandestina aggredisce poliziotti a colpi di mannaia

Una lite tra sorelle degenera a tal punto da essere necessario l’intervento dei poliziotti. Una delle due, però, accecata dalla rabbia, se la prende pure con il rappresentante delle forze dell’ordine, inseguendolo con una mannaia. I fatti sono avvenuti nei giorni scorsi a Roma, in via dei Conciatori, nei pressi della stazione Piramide. 

Una segnalazione anonima ha fatto scattare l’intervento della Polizia. Una lite furiosa, infatti, si era scatenata all’interno di una abitazione in un condominio romano. Una volta sopraggiunti sul posto gli uomini delle forze dell’ordine ad attenderli hanno trovato una delle sorelle. Quest’ultima ha confermato il litigio, chiarendo che il tutto era nato per futili motivi. 

La situazione è però diventata più difficile quando in strada è arrivata l’altra sorella, sprovvista di documenti. I poliziotti hanno informato la signora che era quindi necessario portarla all’Ufficio Immigrazioni della Questura. La cosa non sembra essere andata giù alla donna, che una volta uscita da casa ha rincorso i poliziotti brandendo in mano una mannaia. 

Andate via, vi ammazzo” continuava a gridare la donna ai poliziotti. La situazione è degenerata poichè la signora ha incompinciato a dare schiaffi, morsi e pugni agli uomini della volante intervenuta. Per ripristinare l’ordine e neutralizzare la donna è stato necessario l’intervento di ulteriori rinforzi provenienti dal commissariato Colombo. 

In seguito alle minacce e alle azioni commesse dalla donna contro i poliziotti, la stessa è stata arrestata per minacce, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Dopo aver convalidato l’arresto, la 31enne, che è clandestina in Italia, è stata trasferota all’Ufficio Immigrazione per le successive procedure. 

Non è la prima volta, purtroppo, che gli agenti di Polizia sono vittime delle aggressioni e della rabbia altrui. La vicenda ha riaperto un faro sull’importanza del lavoro svolto giornalmente dalle forze dell’ordine per assicurare la sicurezza nel nostro Paese. Ma in tanti hanno anche sottolineato il fatto che sul territorio nazionale ci sono ancora tanti, forse troppi immigrati clandestini. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tiziana Terranova

Tiziana Terranova - Le forze dell'ordine sono i nostri angeli custodi. Il loro lavoro quotidiano non è mai abbastanza raccontato e valutato nel giusto modo. Poliziotti, carabinieri, militari etc rischiano quotidianamente la loro vita per garantire ordine e sicurezza nel nostro Paese. Altra riflessione che mi suscita questa notizia è il fatto che occorre davvero fare qualcosa di più concreto per l'immigrazione clandestina in Italia.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!