Iscriviti

Leroy Merlin cambia volto all’ex foro Boario di Padova

Dopo l'approvazione della giunta al definitivo piano urbanistico, si attende il via libera della Provincia e l’autorizzazione della Regione. Ad ottobre l'apertura dei cantieri.

Cronaca
Pubblicato il 30 dicembre 2019, alle ore 09:12

Mi piace
6
0
Leroy Merlin cambia volto all’ex foro Boario di Padova

Finalmente Palazzo Moroni, sede del comune di Padova, ha dato il via libera a proseguire i lavori degli architetti e dei tecnici di Leroy Merlin che per anni hanno perseguito l’obiettivo di trasformare l’ex foro boario in una casa del bricolage. Dopo la valutazione di impatto ambientale provinciale e l’autorizzazione commerciale della Regione, i lavori potranno cominciare, si spera, a ottobre

La struttura è stata progettata e realizzata nel 1965-68 dall’architetto Giuseppe Davanzo. Nel 1966 era già arrivato il premio “per un’idea architettonica al progetto, nel 1969 il premio In/Arch e dieci anni dopo il MoMA di New York ha chiesto la documentazione dell’opera per il suo archivio di Modern Architecture”, ricorda Il Giornale dell’Architetto online.

Di proprietà del comune, la struttura si trova in una posizione periferica: le passano accanto alla tangenziale Corso Australia e alla ferrovia, oltre le quali s’intravvedono i confini del Cimitero Maggiore della città, mentre poco distante dalla struttura ci sono i vecchi gasometri e i serbatoi dell’acqua.

Nata come foro boario, la struttura ha funzionato solo per poco tempo rimanendo così “tagliata fuori dall’economia” e guadagnandosi “subito quell’ex davanti a foro boario senza diventare altro“, si legge in ilgiornaledellarchitettura.com. Nel tempo, ha ospitato piccoli uffici, un’associazione, è stata magazzino del comune e, in qualche angolo, i rom avevano trovato rifugio.

Ora, tutti i tasselli della procedura per farne un “tempio del bricolage“, come scrive Il Mattino di Padova online, stanno prendendo il loro posto. La struttura e l’architettura del plesso dovranno però essere rispettate: questa è un’indicazione chiara e ferma che Palazzo Moroni ha messo innanzi agli architetti e ai tecnici di Leroy Merlin.

Per la nuova sede di Leroy Merlin in città, Padova vedrà l’aumento del traffico nella zona, visto che le simulazioni fatte dicono che l’incremento medio dei tempi di viaggio sarà di circa l’8% e, per questo, non sono mancate le proteste.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Diciamo pure che passando accanto all'ex foro boario in cuore nasceva tanta tristezza per il grigiore e per la sensazione di abbandono. Penso che, al di là del traffico e sicuramente qualche idea nascerà per agevolare la viabilità, questo nuovo centro del bricolage offrirà nuovi posti di lavoro facendo mettere in moto l'economia della zona.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!