Iscriviti

Lecce, raccolgono funghi nel bosco ma si scopre che erano velenosi: multati

L'episodio si è verificato al bosco di Cervarola, in provincia di Lecce, dove due individui sono stati beccati dai Forestali con un contenitore pieno di funghi. Non avendo entrambi il tesserino il tutto è stato sequestrato, poi si è fatta l'assurda scoperta.

Cronaca
Pubblicato il 4 novembre 2021, alle ore 15:14

Mi piace
0
0
Lecce, raccolgono funghi nel bosco ma si scopre che erano velenosi: multati

Avevano deciso di trascorrere del tempo a fare incetta di funghi nel bosco di Cervarola, non lontano dalla marina di Frigole, nel leccese, ma per due soggetti la “gitarella” non è finita affatto bene. I due sono incappati infatti in un controllo da parte dei carabinieri Forestali di Lecce, i quali hanno chiesto ai due che cosa ci facessero con i funghi, chiedendo loro di esibire il relativo tesserino che autorizza alla raccolta di tale specie vegetale. I soggetti non hanno saputo soddisfare le richieste dei militari.

Per i due raccoglitori di funghi è scattata immediatamente una sanzione amministrativa, poi le specie sono state portate presso un laboratorio della ASL di Lecce per poter essere analizzati. Da qui è emerso che i funghi facessero parte della specie Omphalotus olearius, ovvero “fungo dell’olivo”, i quali sono estremamente pericolosi per la salute degli esseri umani. Ai due è stato contestato di aver agito senza autorizzazione alla raccolta e servendosi, peraltro, di contenitori giudicati non a norma.

Multati e salvati

Alla fine insomme i due soggetti dovranno anche ringraziare i carabinieri per averli salvati. Si puà facilmente immaginare che cosa sarebbe potuto accadere se quei funghi fossero arrivati sulle loro tavole. Per raccogliere le specie vegetali in questione bisogna infatti essere muniti di un regolare tesserino.

Quest’ultimo lo si consegue dopo aver fatto un apposito corso, corsi che ogni anno vengono organizzati tra l’altro su tutto il territorio nazionale. Per raccogliere i funghi poi bisogna portare dei contenitori idonei, così come gli strumenti devono essere adeguati a non danneggiare l’ecosistema.

Il bosco di Cervarola è una delle aree più note e importanti della provincia di Lecce. Per motivi di privacy le generalità dei due uomini non sono state rese note. I controlli dei carabinieri Forestali continueranno anche nelle prossime settimane, visto che in questo periodo molte persone si recano nelle aree naturali per raccogliere funghi. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Questi episodi ci devono far capire che anche una attività, come quella di raccogliere funghi, ha bisogno di precisare regole per poter essere messa in pratica. Non si possono raccogliere tali specie vegetali senza una apposita autorizzazione. Il tesserino è stato istitutito proprio per far sì che le persone che vogliono raccogliere i funghi lo facciano senza danneggiare l'ecosistema e anche la loro salute.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!