Iscriviti

Lecce, fermato dai carabinieri confessa di aver appena rapinato una tabaccheria: arrestato

Incredibile episodio nel pomeriggio di ieri a Veglie, in provincia di Lecce, dove un 20enne è stato arrestato dai militari della locale stazione dopo essere stato fermato. Credendo che lo stessero già cercando il giovane ha confessato il misfatto.

Cronaca
Pubblicato il 19 ottobre 2021, alle ore 12:02

Mi piace
0
0
Lecce, fermato dai carabinieri confessa di aver appena rapinato una tabaccheria: arrestato

I carabinieri della stazione di Veglie, in provincia di Lecce, hanno arreststo un 20enne del posto per il reato di rapina. In particolare, nel pomeriggio di ieri, i militari dell’Arma stavano effettuando un giro di pattugliamento nella cittadina salentina, quando all’improvviso hanno incrociato il giovane. Insospettiti dal suo passo spedito e dai lineamenti del volto piuttosto tesi, gli uomini in divisa lo hanno fermato, questo per verificare che il ragazzo non avesse nulla da nascondere. 

Il 20enne, pochi istanti prima, aveva portato a termine una rapina presso una tabaccheria del posto, situata tra l’altro a 300 metri dal luogo dove è stato fermato. Convinto che i militari lo stessero gà cercando, il giovane ha confessato il misfatto appena commesso. Con sè aveva ancora il coltello da cucina utilizzato per minacciare l’esercente, un paio di guanti e 380 euro in contanti e un passamontagna. Il personale di polizia giudiziaria ha quindi verificato quanto confessato dal ragazzo. 

Portato in carcere

La tabaccheria rapinata si trova nel pieno centro abitato di Veglie, precisamente all’angolo di via Madonna dei Greci. L’episodio si è verificato intorno alle ore 17:30. I militari non sapevano ancora nulla, visto che la rapina era stata compiuta pochissimi istanti prima, ma grazie alla confessione del ragazzo il cerchio è stato chiuso subito.

Il 20enne è stato quindi colto in flagranza di reato, per cui per lui si sono aperte le porte del carcere di “Borgo San Nicola” a Lecce, dove in queste ore verrà sentito per l’interrogatorio di convalida del fermo. Passamontagna e coltello sono stati sequestrati e sono state anche acquisite le immagini di videosorveglianza per ulteriori riscontri.

Molto probabilmente, comunque, il ragazzo avrebbe avuto le ore contate, visto che i carabinieri sarebbero arrivati lo stesso a lui visionando i filmati delle telecamere di videosorveglianza installate nelle vicinanze e nella stessa attività commerciale. In quel caso, però se la sarebbe “cavata” soltanto con una denuncia a piede libero per furto, visto che non sarebbe stato colto in flagranza di reato. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Un episodio davvero incredibile quello accaduto a Veglie, dove questo ragazzo ha confessato ai carabinieri il furto compiuto poco prima. Visto che ciò significa cogliere in flagranza di reato una persona, il 20enne è stato trasferito in carcere e adesso per lui ci saranno seri guai giudiziari. La sua confessione ha però facilitato di molto il lavoro degli inquirenti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!