Iscriviti
Roma

Le donne che hanno occupato e distrutto la casa di Ennio non sono pentite: anzi, lo rifaranno

"Lo rifaremo, non siamo pentite”. Hanno detto così alla giornalista di Rai Uno della 'Vita in diretta' le donne che hanno occupato per 23 giorni la casa nel quartiere Don Bosco a Roma di Ennio Di Lalla, cardiopatico di 86 anni.

Cronaca
Pubblicato il 7 novembre 2021, alle ore 11:28

Mi piace
0
0
Le donne che hanno occupato e distrutto la casa di Ennio non sono pentite: anzi, lo rifaranno

Il proprietario era uscito di casa il 13 ottobre per delle visite mediche. Venerdì 5 novembre è rientrato, dopo lo sgombero dei carabinieri, e ha avuto un malore alla vista dell’appartamento devastato dalle occupanti abusive.

La vicenda del signor Ennio, che era stata raccontata da Fanpage.it negli scorsi giorni, ha avuto un lieto fine ieri mattina: l’anziano è potuto ritornare nel suo appartamento dopo 24 giorni.

La vicenda

Sono state scortate dai carabinieri e inseguite dai cronisti le donne che hanno occupato abusivamente la casa del signor Ennio Di Lalla, 86enne cardiopatico residente nel quartiere Don Bosco, a Roma. E incalzata dalle domande di una giornalista de “La Vita in diretta“, una delle protagoniste dell’occupazione ha detto: “Non siamo pentite, lo rifaremo“. 

La vicenda era stata raccontata nei giorni scorsi da Fanpage.it. Il signor Ennio era uscito di casa lo scorso 13 ottobre per sottoporsi a una visita medica. Quando era rientrato a casa l’aveva però trovata occupata e, nonostante si fosse rivolto alle forze dell’ordine, non è riuscito a rientrarne in possesso per ben 23 giorni. “Non è stata riconosciuta la flagranza del reato e perciò il mio assistito non ha avuto modo non solo di riavere il suo appartamento, che ha regolarmente acquistato, ma neanche di recuperare i suoi oggetti personali“, tra cui anche le sue medicine, aveva spiegato a Fanpage l’avvocato dell’86enne, Alessandro Olivieri.

Ieri mattina però, dopo l’intervento di un magistrato, il signor Ennio è ritornato a casa. Accompagnato dai carabinieri, ha varcato nuovamente la soglia del suo appartamento: le sue cose erano state accatastate – e non distrutte come pareva in un primo momento – in una stanza per fare spazio agli arredi delle occupanti.

Tra loro una ragazza di 28 anni con un cane, che è stata denunciata dai carabinieri della Compagnia Cinecittà per danneggiamento e invasione di terreni o edifici.Pensavo non ci abitasse nessuno, non sapevo dove andare“, si è giustificata la ragazza, il cui atteggiamento è stato definito “collaborativo” dalle forze dell’ordine. Il momento dello sgombero è stato comunque molto teso: sono volati insulti sia dai cittadini presenti sia dalle stesse occupanti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una storia che lascia l'amaro in bocca quella del signor Ennio, uscito di casa lo scorso 13 ottobre per sottoporsi a una visita medica per poi ritrovarsi, al rientro, la casa occupata abusivamente. La storia ha avuto un lieto fine per l'86enne ma le occupanti abusive non si dichiarano pentite, anzi, dicono che lo rifaranno. Non è il caso, per queste donne, di far scattare immediatamente le manette?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!