Iscriviti

Lanciano, parla la madre del rapitore che ha tagliato l’orecchio alla donna

Arrestato anche l'ultimo dei rapitori della violenta aggressione avvenuta a Lanciano. Una rapina a due coniugi che sono stati picchiati, e alla donna è stato tagliato l'orecchio. La madre: "Fatelo soffrire"

Cronaca
Pubblicato il 28 settembre 2018, alle ore 17:59

Mi piace
2
0
Lanciano, parla la madre del rapitore che ha tagliato l’orecchio alla donna

Sono passate appena 48 ore dall’arresto dei tre malviventi della rapina di Lanciano, e gli uomini dello Sco e della squadra mobile a Caserta sono riusciti a prendere anche il quarto ed ultimo uomo; colui che ha tagliato l’orecchia alla donna e che sembrerebbe essere proprio il capo della banda.

Parla la madre del ragazzo, che si allontana completamente da ciò che il figlio ha fatto.

La cronaca

Una tra le rapine più violente e agghiaccianti quella che i due coniugi di Lanciano hanno dovuto subire. I rapinatori non si sono accontentati di portare via tutto ciò che di prezioso di trovava in casa, hanno frugato ovunque, preso le varie carte di credito e iniziato a picchiare l’uomo e la donna convinti nascondessero una cassaforte segreta in casa. Il capo della banda ha anche tagliato il lobo dell’orecchia a Niva Bazzan.

Tre dei quattro malviventi sono stati arrestati dopo poche ore dall’avvenuta aggressione, ma le Forze dell’Ordine stavano aspettando il momento giusto per prendere anche l’ultimo ragazzo, il capo della banda e colui che ha compiuto l’orribile gesto di tagliere il lobo dell’orecchia alla donna.

Dopo 48 ore dai primi tre arresti, ecco che gli uomini della Sco con quelli della squadra mobile di Caserta, prendono anche il quarto uomo. Si tratta di un ragazzo di 25 anni di origine rumena, Alexander Bogadan Coltenau. Il giovane è stato arrestato mentre provava a rivendere un orologio, successivamente confermato dalla vittima che si trattava proprio di quello rubato qualche giorno prima dalla loro abitazione.

La reazione della madre

Nelle ultime ore ha parlato la madre di Coltenau, che ha voluto prendere le distanze da quanto accaduto e da quello che il figlio ha fatto. Ciò che ha detto è stato davvero forte.

La donna incredula ha chiesto se fosse stato davvero il figlio a compiere quelle atrocità. Ha poi aggiunto di mandarlo in carcere, e di farlo soffrire almeno quanto lui ha fatto soffrire i poveri coniugi e quella famiglia che si porterà per sempre questo trauma.

Una madre mortificata che vuole vedere il figlio pagare per le scelte fatte e gli atti orribili che ha commesso.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Per quanto possa sembrare ovvio, non è da tutte le madri dire una cosa tanto forte e giuste. Ormai le madri tendono a difendere i propri figli anche di fronte a delle atrocità compiute. Sono fiera di questa madre e vicina al suo dolore, perché vedere il figlio che hai cresciuto fare certe cose, penso che provochi un dolore non da poco.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!