Iscriviti

La Sharia sbarca in Italia: donna picchiata dal marito perché viveva troppo all’italiana

Nelle città italiane si radica la cultura islamica improntata sulla sottomissione della donna. "Mi vedeva troppo occidentale e mi ha pestato". Ecco la storia di Kadigia.

Cronaca
Pubblicato il 14 giugno 2019, alle ore 03:55

Mi piace
3
0
La Sharia sbarca in Italia: donna picchiata dal marito perché viveva troppo all’italiana

Kadigia è marocchina e vive in Italia da quasi vent’anni. Cinque anni fa si è sposata con un egiziano di fede islamica. Come la sua. Il loro matrimonio è andato avanti per un po’, senza riservare particolari scossoni, fino a quando non è nato il loro primo figlio. Ed è da quel momento in poi che la donna ha cominciato a vivere un inferno fatto di violenze, incomprensioni e litigi.

Già, perché Kadigia avrebbe voluto crescere suo figlio secondo la cultura italiana, ma il marito non era d’accordo: suo figlio doveva crescere musulmano, rispettare le leggi islamiche, vivere secondo il Corano. Un contrasto familiare, due mondi diversi che si sono scontrati tra loro in un vortice di dispute che è andato via via aggravandosi, con l’uomo che ha cominciato a picchiare la moglie, accusandola di essere troppo italiana.

La situazione è andata avanti per un certo tempo, fino a quando l’energumeno non ha cominciato a picchiare anche il figlio. Ed è a quel punto che la donna si è ribellata e ha deciso di denunciare il marito ai carabinieri. Un gesto coraggioso che però le costato caro: tutte le sue amiche, anche loro islamiche, l’hanno abbandonata e biasimata per essersi ribellata al marito-padrone e per averlo denunciato alle forze dell’ordine.

Questo perché per una musulmana è normale vivere all’ombra del suo compagno. La loro è una sottomissione totale: non possono nemmeno parlare se non è il loro uomo a ordinarlo. L’unica cosa che possono fare è accudire la casa: guai a ribellarsi, il credo coranico non lo permette, ma soprattutto guai ad amalgamarsi con la cultura occidentale che li accoglie e li sfama, perché in tal caso rischiano la vita.

E infatti sono diversi gli epissodi di cronaca nazionale che hanno raccontato di donne musulmane vittime di genitori, familiari e mariti violenti, che le hanno massacrate e perfino uccise solo perché queste volevano indossare jeans e minigonna e liberarsi del burka, come donne libere e indipendenti da certi diktat di una Sharia che in Italia sembra proprio non voler integrare.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mario Barbato

Mario Barbato - Ma dove sono finite le femministe degli anni Settanta? Quelle che protestavano contro lo sfruttamento del corpo delle donne? Quelle che urlavano al mondo maschile: "Il corpo è mio e lo gestisco io"?. Dovrebbero come minimo andare in piazza per una dimostrazione di protesta. E invece, dalla Boldrini alla Bonino, nulla. Solo silenzio. Forse perché, nella loro emancipazione annacquata dalle pantomime sociali e contaminata dalla mentalità maschilista, sono troppo impegnate a laccarsi i capelli dal parrucchiere, a perdere chili nelle palestre o a farsi i selfie con le orecchie da coniglio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!