Iscriviti

Isole Eolie invase dalle meduse: è allarme

La situazione è molto grave nel mare delle isole Eolie, a causa di un'incredibile invasione di meduse. La specie che colonizzato il mare è la "Pelagia Noctiluca", una specie dal colore violetto e urticante

Cronaca
Pubblicato il 16 giugno 2014, alle ore 15:02

Mi piace
0
0
Isole Eolie invase dalle meduse: è allarme

Migliaia di piccole meduse hanno invaso buona parte dell’arcipelago siciliano delle Isole Eolie: ad essere particolarmente colpita è la zona adiacente a Filicudi, che è stata colonizzata da meduse violette e urticanti. La specie è stata riconosciuta dagli esperti come la Pelagia Noctiluca, con esemplari particolari, piccoli ma con un ombrello che misura circa dieci centimetri, quattro braccia e dei tentacoli filiformi molto lunghi. Dal colore violaceo, possono aggredire con forza le persone provocando pruriti anche molto forti.

La situazione è disperata e gli abitanti delle isole Eolie pensano che questo inconveniente possa avere serie ripercussioni sul turismo, causando disdette nelle prenotazioni e il fuggi fuggi di visitatori. Il popolo eoliano parla di “disastro ambientale” di proporzioni gigantesche e teme davvero di perdere quel poco di sostentamento economico dato dal lavoro estivo. Si spera adesso in una bonifica del mare che presto dovrebbe arrivare tramite altre specie marine, come pesci luna e tartarughe, che si cibano di meduse e che dovrebbero in breve purificare la zona. Gli isolani sperano che la notizia sia vera e aspettano con fiducia questa soluzione per liberare le acque dalle meduse e consentire ai bagnanti e alle strutture di riprendere l‘attività turistica.

Gli altri anni la presenza di meduse si era notata, ma non c’era mai stata una vera e propria colonizzazione di questi animali, che pur non sembrando pericolosi, possono causare anche delle tragedie; non solo il prurito che provocano, ma la paura è tanta anche per i tentacoli che possono soffocare e non sono da sottovalutare. I tentacoli filiformi, infatti, possono stringere così forte da togliere il respiro, bloccando la circolazione, con il rischio anche di causare la morte. Inoltre, il prurito provocato da questa specie è terribile e non è facile placarlo neanche con unguenti particolari.

Liberare dalle meduse le Eolie è un’urgenza da risolvere subito, per non dare ulteriori preoccupazioni al già precario lavoro delle strutture turistiche, che hanno subìto le conseguenze della crisi con le minori prenotazioni e con periodi sempre più limitati. Gli abitanti hanno paura e guardano a questo improvviso problema con sgomento. Non vedono l’ora di guardare al loro mare cristallino, pulito e spettacolare, com’era fino a pochi giorni fa. 

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!