Iscriviti

Invita i cittadini a ribellarsi alle restrizioni del governo. Donna rischia 5 anni di carcere

La donna, una imprenditrice livornese di 40 anni, aveva postato dei video su Facebook dove incoraggiava i cittadini a uscire di casa per ammutinarsi contro "l'abuso di potere" del governo

Cronaca
Pubblicato il 3 gennaio 2021, alle ore 18:55

Mi piace
2
0
Invita i cittadini a ribellarsi alle restrizioni del governo. Donna rischia 5 anni di carcere

Le restrizioni imposte dal governo per contenere il Coronavirus non sono mai state veramente tollerate dagli italiani, ma qualcuno è andato oltre con le proteste e adesso rischia il carcere. Si tratta di una donna livornese di 40 anni, Annalisa Logozzo, professione imprenditrice, che attraverso i social network ha tentato di sobillare i cittadini, invitandoli a violare le restrizioni del governo e a uscire di casa, riversandosi per strada.

La donna usava il suo profilo Facebook per lanciare il messaggio sedizioso. Probabilmente la donna dev’essere una di quegli imprenditori pesantemente penalizzati dalla chiusura del Paese e questo l’ha spinta a incitare tutti a ribellarsi al governo, fornendo anche indicazioni sui posti di blocco presenti in città per evitare i controlli e multe salatissime.

Dopo mesi di indagini, la Procura di Livorno ha chiesto il rinvio a giudizio per la donna, accusandola di istigazione a disobbedire alle leggi, sovvertimento dell’ordine pubblico e vilipendio della Repubblica. Le indagini erano partire nel marzo del 2020, in piena pandemia da Covid, dopo la segnalazione di alcuni video che la donna aveva pubblicato su Facebook (poi oscurato).

In quei video, la giovane imprenditrice invitava le persone a uscire di casa per ribellarsi a quello che definiva un abuso di potere da parte del governo. Un sentimento esasperato, in parte condivisibile, ma che ha portato la donna a esagerare con le accuse, puntando il dito contro lo Stato italiano, da lei dipinto con toni coloriti, e diffondendo messaggi di stampo sovversivo.

Per la legge, la donna ha oltrepassato il limite garantito dalla Costituzione, quello che permette a tutti di manifestare il proprio pensiero, perché, oltre ad aver offeso pesantemente e denigrato le istituzioni, ha invitato ripetutamente i cittadini a insorgere contro le regole anti-Covid, rendendosi colpevole di tentata sovversione e rischiando adesso cinque anni di carcere. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giorgio Napolitano

Giorgio Napolitano - La situazione che stiamo vivendo sta sicuramente mettendo a dura prova la nostra sopportazione. Molti cittadini sono stanchi di vivere questa situazione ma sanno pure che non c'è scelta, che certe decisioni, per quanto impopolari, sono necessarie per garantire l'incolumità collettiva. Qualcuno però non lo comprende ed eccede nelle proteste, quando invece bisognerebbe mantenere la calma e portate pazienza. Perché da questo incubo prima o poi dovremo pur uscire.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!