Iscriviti

Intervento record a Salerno: è stato asportato un tumore di 15 chili a una donna incinta

L'equipe medica dell'azienda ospedaliera del San Giovanni di Dio e d'Aragona hanno compiuto un'operazione da record, asportando una massa tumorale del diametro di 35 cm, e del peso di 15 chili, a una donna al termine della gravidanza.

Cronaca
Pubblicato il 26 dicembre 2018, alle ore 23:51

Mi piace
6
0
Intervento record a Salerno: è stato asportato un tumore di 15 chili a una donna incinta

L’operazione che si è conquistata il record mondiale è stata effettuata nell’ospedale San Giovanni di Dio e d’Aragona, a Salerno, dove è stato asportata una massa tumorale di grosse dimensioni, a una paziente in stato interessante, dopo averla fatta partorire. A compiere quest’impresa sono stati due chirurghi del reparto “Gravidanze a rischio“, il dottor Mario Polichetti e il dottor Raffaele Petta, con la rispettiva equipe.

A dover subire l’intervento è stata una casalinga, di 38 anni, di Salerno, incinta e con una grossa massa tumorale del diametro di 35 centimetri e dal peso di 15 chilogrammi. Nonostante le dimensioni del tumore, la donna durante la gravidanza non ha avuto grossi problemi: l’unico fastidio che ha riportato sono stati i sintomi da addominale compresso.

La donna ha subito l’intervento al termine della gravidanza, alla 37esima settimana. L’intervento si è suddiviso in due fasi: nella prima fase dell’operazione è venuto al mondo il bambino, lungo 50 centimetri e con un peso di oltre 3 chilogrammi mentre, nella seconda fase dell’intervento, i medici hanno provveduto a rimuovere la massa tumorale. I medici dell’ospedale hanno fatto sapere che sia la mamma che il bambino godono di ottima salute.

In sala operatoria, ad affiancare il dottor Polichetti e il dottor Petta, c’erano il dottor Joseph Allegro, l’anestesista Miriam Giudice, e le due ostetriche Angela Lombardi e Luciana Verlezza.

L’intera equipe, oltre ad aver salvato due vite, si è conquistata anche un record mondiale, in quanto è la prima volta al mondo che, durante un’operazione, viene rimossa una massa tumorale di tali dimensioni, e per di più a una donna in stato interessante. Finora, a detenere il record era un’equipe medica di Chennai, una città dell’India Meridionale, ma in quella circostanza la massa tumorale era più piccola e la donna non era in stato interessante.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Elisabetta Monda

Elisabetta Monda - Quando si parla di sanità italiana, lo si fa sempre in senso negativo, e ciò accade perché purtroppo ci sono molti medici che non svolgono bene il loro lavoro e, di conseguenza, oscurano i lavoro di chi invece è decisamente più bravo. Belle notizie, come queste, devono ricordarci di non generalizzare, ma di valutare singolarmente ogni medico.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!