Iscriviti

Infostrada: un venerdì 13 davvero disastroso per gli utenti

Infostrada: oggi venerdì 13 i clienti Wind sono andati su tutte le furie in quanto la famosa compagnia telefonica ha avuto un blackout nazionale, per quanto riguarda le chiamate, e messaggi ed internet

Cronaca
Pubblicato il 13 giugno 2014, alle ore 20:34

Mi piace
0
0
Infostrada: un venerdì 13 davvero disastroso per gli utenti

Oggi Infostrada più che mettere timore come il famoso “Venerdì 13” ha fatto andare tutti i clienti Wind su tutte le furie. Verso le 10 circa del mattino la linea è completamente scomparsa. Il blackout è stato a livello nazionale, sui social la gente si lamentava perché impossibilitata a risolvere problemi importanti e soprattutto perché non poteva fare chiamate urgenti, ne mandare messaggi e navigare sul web.

La compagnia Infostrada ha chiesto pubblicamente scusa per il disagio su Twitter, comunicando in un primo momento queste parole “Riscontriamo difficoltà di accesso ad Internet da fisso e da mobile. Stiamo lavorando per risolvere il problema. Ci scusiamo per il disagio”. Si era ipotizzato un comune problema risolvibile in mezz’ora circa come è già capitato in precedenza. Invece, il problema è durato almeno un paio d’ore. Il secondo messaggio su Twitter era il seguente “Abbiamo ancora difficoltà generalizzate sulla rete: i nostri tecnici sono a lavoro. Comprendiamo e ci scusiamo per il grosso disagio” .

La cosa più fastidiosa è stata il fatto che Infostrada non abbia comunicato il reale problema. Intorno alle ore 15 circa, 4 ore dopo, la situazione sembrava essersi risolta, ma non ancora del tutto. Dopo 20-40 minuti circa arrivavano segnalazioni positive da molti utenti che avevano ripreso ad utilizzare le funzioni principale di smartphone ed internet. Per un corretto funzionamento è stato consigliato di riavviare smartphone e router.

Una delle vittime è stato Beppe Grillo, poiché il suo blog è stato completamente offline durante il disservizio di Infostrada. Ad intervenire in difesa di Wind Infostrada è stato anche Fiorello, che con qualche sua solita battuta ha cercato di mantenere la calma spiegando che un problema può comunque capitare a tutti e man mano si sarebbe risolto tutto.

Ma le critiche di certo non mancheranno, soprattutto vedremo come Infostrada si comporterà nei confronti di quegli utenti infuriati per i problemi causati a loro oppure alle aziende. Infostrada ci sorprenderà? Farà qualcosa per farsi perdonare dai suoi clienti? Speriamo di sì, perché nel caso contrario il 27% della popolazione che ha subito i danni, cambierà quasi sicuramente gestore.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!