Iscriviti
Milano

Incidente in tangenziale est a Milano: dietro la morte di Isac Beriani una bravata"alcolica"

Una bravata ad alto tasso alcolico avrebbe portato Isac Beriani incontro alla morte nella notte tra sabato e domenica. L'esito dell'autopsia e degli esami tossicologici è fondamentale per ricostruire l'accaduto.

Cronaca
Pubblicato il 23 novembre 2021, alle ore 14:40

Mi piace
0
0
Incidente in tangenziale est a Milano: dietro la morte di Isac Beriani una bravata"alcolica"

Una bravata ad alto tasso alcolico. Questo è quello che avrebbe, probabilmente, portato alla morte del 20enne Isac Beriani, deceduto nella notte tra sabato e domenica. 

La sua vita è stata stroncata improvvisamente mentre faceva flessioni sulla tangenziale est di Milano. Il conducente di una delle tantissime auto che viaggiavano su quel tratto, non è riuscito a schivare Isac e non si sa ancora se il suo corpo sia stato, in seguito, investito da altre auto.

La ricostruzione della tragedia

Isac, italiano e con origini algerine, viveva a Milano, dove frequentava l’Istituto Superiore Ettore Molinari di via Crescenzago. La Polstrada ha parlato di una bravata legata all’alcol assunto dalla vittima e dai suoi amici durante una festa, dalla quale erano di ritorno. Il gruppo era in macchina, nella notte tra sabato e domenica, quando, ad un tratto, uno di loro si è sentito male.

Così tutti hanno deciso di accostare l’auto per farlo rimettere. Proprio in quei momenti, Isac avrebbe messo in atto la sua bravata, finita in tragedia. Con atteggiamenti goliardici ma pericolosi, forse sottovalutando il rischio derivante dal suo stato di alterazione, si è messo a fare flessioni in mezzo alla strada. Il 21enne che lo ha travolto, indagato per omicidio colposo, ha dichiarato agli investigatori di essersi trovato all’improvviso la sagoma del Beriani davanti, non riuscendo ad evitarlo.Nonostante il tempestivo arrivo dei soccorsi, il giovane è morto poco dopo l’arrivo in ospedale, nella Clinica Città Studi. 

Nel tratto in cui è avvenuto l’incidente non ci sono telecamere per cui saranno l’autopsia e l’esito degli esami tossicologici a chiarire quanto il giovane abbia bevuto e se abbia assunto altre sostanze. I ragazzi che erano in auto con la vittima sono indagati per omissione di soccorso e hanno dichiarato di essere fuggiti, in un primo momento, dopo aver assistito all’incidente, per paura.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una morte terribile, quella di Isac, che si sarebbe potuta evitare se solo avesse bevuto meno, molto probabilmente, ma occorreranno comunque l'autopsia e l'esito degli esami tossicologici per scoprire quanto l'alcol possa aver influito o determinato la tragedia. Mi stringo al dolore dei familiari del 20enne, cui rivolgo le mie più sentite condoglianze.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!