Iscriviti
Palermo

Imprenditore uccide l’amante incinta: in un video le urla della vittima

I carabinieri hanno diffuso i fotogrammi di un video che riprende l’aggressione di Antonino Borgia nei confronti dell’amante Ana Maria. Il cadavere della donna è stato trovato nelle campagne della cittadina siciliana

Cronaca
Pubblicato il 24 novembre 2019, alle ore 20:00

Mi piace
4
0
Imprenditore uccide l’amante incinta: in un video le urla della vittima

La rivelazione di essere in attesa di un figlio dal suo amante e la minaccia di svelare tutto alla moglie è stato il movente che ha spinto il 51enne Antonino Borgia, imprenditore di Partinico, in provincia di Palermo, ad ammazzare la trentenne Ana Maria Lacramioara Di Piazza, con la quale intratteneva una relazione clandestina da circa un anno.

L’omicida ha abbandonato il corpo della giovane donna nelle campagne tra Partinico e Balestrate, lungo la statale 113, per poi proseguire la sua giornata tranquillamente come se non fosse successo nulla, andando anche dal barbiere. Poco dopo, è stato arrestato dai carabinieri.

Le immagini dell’aggressione sono state immortalate da un video di una telecamera di sorveglianza di una villa vicina al cantiere, dove i due amanti si erano appartati per consumare un rapporto sessuale. I due, evidentemente, hanno litigato perché la donna avrebbe chiesto all’uomo un sostegno economico per portare avanti la gravidanza, minacciando di svelare tutta la verità alla moglie.

Nel video si vede la donna scappare inseguita dall’uomo, senza pantaloni, con un coltello in mano. La ragazza, colpita alla pancia, cade per terra e supplica il suo amante di non ucciderla: “ma che fai aspettiamo un bambino, io ti amo”. A questo punto, il Borgia invita Ana Maria a salire sul furgone promettendole che l’avrebbe condotta in ospedale, ma si tratta solo di un pretesto. Poco dopo l’uomo colpirà la donna a bastonate e con un altro coltello conservato nel furgone, tagliandole la gola, prima di disfarsi del cadavere.

La svolta nelle indagini grazie alla telefonata ai carabinieri di una donna che avrebbe visto una giovane con il volto pieno di sangue e vestiti strappati fuoriuscire da un furgone bianco e la deposizione dell’uomo proprietario del sistema di video sorveglianza, che ha consegnato ai militari le immagini della fase iniziale dell’aggressione.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Costantino Ferrulli

Costantino Ferrulli - Ennesimo femminicidio in Italia eseguito da un uomo che, evidentemente, trattava la donna con cui intratteneva una relazione alla stregua di una merce e non con amore. Lo stesso trattamento che riservava alla moglie, per il solo fatto di tradirla. Una piaga purtroppo pesante che forse risente ancora di un maschilismo di altri tempi. Solo l’educazione che impartiamo ai nostri figli potrà farci sperare in un mondo senza donne uccise per “finto” amore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!