Iscriviti
Firenze

Iacopo Melio positivo al Covid: "Non esco da casa da un anno e mi sono ammalato"

Iacopo Melio, giovane neo consigliere della regione Toscana, ha annunciato su Facebook di essere positivo al Covid, scrivendo un lungo post per invitare a riflettere su quanto il virus sia pericoloso.

Cronaca
Pubblicato il 18 dicembre 2020, alle ore 11:58

Mi piace
1
0
Iacopo Melio positivo al Covid: "Non esco da casa da un anno e mi sono ammalato"

Iacopo Melio, neo consigliere della regione Toscana e Cavaliere dell’Ordine al Merito, il ragazzo delle battaglie dei diritti di tutti, non solo dei disabili, il promotore delle lotte per l’abbattimento delle barriere architettoniche, oltre che della onlus #Vorreiprendereiltreno, ha annunciato su Facebook di essere positivo al Covid. 

Iacopo ha comunicato di avere il Coronavirus sui social perr motivare l’inevitabile annullamento dei suoi impegni, invitando a riflettere su quanto il virus sia pericoloso, dato che lui, che non esce da casa da un anno, vivendo in una famiglia estremamente attenta e isolata, si è ammalato e questo significa che potrebbe capitare a chiunque. Il giovane attivista racconta di essersi svegliato venerdì con grosse difficoltà respiratorie, chiamando immediatamente il 118. In ospedale, dai controlli effettuati, compreso il tampone molecolare, risultato negativo, hanno deciso di rimandarlo a casa, credendo che i suoi fossero malanni generici.

La scoperta della positività al Covid

Nel frattempo il padre si è ammalato, risultando positivo il giorno dopo. Così Iacopo e sua madre hanno ripetuto il tampone, risultando, stavolta, positivi, a conferma della loro sintomatologia. Il giovane afferma di sentirsi tanto stanco e debole, con mal di testa, mal di gola, sinusite, sensazione di febbre ma soprattutto di avvertire una grande difficoltà respiratoria, nonostante non abbia molta tosse, invitando, chi crede, a pregare per la sua salute, o comunque ad inviargli energie positive.“Basta che mi pensiate un pò perchè non è facile, e lo sapete”, aggiunge, non rinunciando ad un messaggio ottimistico: “Passerà perchè deve passare…arriverà un anno migliore, sicuramente, per tutti”.

Proprio nei giorni scorsi, Melio, da sempre paladino dei diritti dei disabili, aveva scritto della paura di contrarre il Covid e delle mancate cure in caso di pandemia diffusa: “Potrebbero non curarmi. Oppure, per colpa mia, potrebbe morire il nonno di un mio amico o una mia amica, non lo so e non riesco a immaginarlo. Ciò che è certo, però, è che il protocollo diffuso dall’Iss, chiamato “Decisioni per le cure intensive in caso di sproporzione tra necessità assistenziali e risorse disponibili” scheda anche “quelli come me”, con gravi patologie. Le mette in classifica. Non più persone, ma cartelle cliniche da riordinare, tra quelli messi peggio e quelli un po’ meno peggio, che sono forse meglio di quelli “così-così”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Katia Lenti

Katia Lenti - Un attivista, un combattente in difesa dei diritti di tutti, Jacopo Melio. Il mio augurio è che presto possa sconfiggere questo maledetto virus, assieme alla sua famiglia, tornando in campo con tutta l'energia, la grinta e l'intelligenza che lo ha sempre contraddistinto. Auguri di pronta guarigione guerriero. Ti sono vicino.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!