Iscriviti

I 67 migranti passeggeri della nave Diciotti sbarcano a Trapani. Salvini: "Sono rammaricato"

Il Presidente della Repubblica Mattarella ha sbloccato la situazione e i 67 migranti provenienti dalla nave Vos Thalassa e poi trasferiti sulla nave italiana Diciotti, sono sbarcati al porto di Trapani qualche ora fa.

Cronaca
Pubblicato il 13 luglio 2018, alle ore 11:35

Mi piace
4
0
I 67 migranti passeggeri della nave Diciotti sbarcano a Trapani. Salvini: "Sono rammaricato"

Ci ha pensato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a mettere finalmente un punto sulla vicenda dei 67 migranti della nave Diciotti che erano in attesa di sbarcare sulla costa italiana. Mattarella, dopo aver avuto un colloquio con il premier Giuseppe Conte, ha sbloccato la situazione e, i migranti provenienti dalla nave Vos Thalassa e poi trasferiti sulla nave italiana Diciotti, sono sbarcati al porto di Trapani.

Tutto era iniziato quando i 67 migranti erano stati caricati sulla Diciotti dopo che all’interno della Vos Thalassa, un rimorchiatore Total che aveva soccorso i migranti in mare, si erano verificati scontri ed ammutinamenti. Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini, negli ultimi giorni, sì era detto contrario allo sbarco dalla Diciotti sulle Coste italiane, contrastando altresì anche altri esponenti del governo tra cui il ministro Toninelli.

Puntanto sull’emergenza umanitaria, il Presidente della Repubblica Mattarella, è intervenuto affinchè il governo desse l’ok allo sbarco considerando anche il fatto che vi era anche l’ipotesi di rivolta nei confronti dell’equipaggio. Stando a quanto riportato da un’operatrice umanitaria presente sulla Diciotti ai microfoni di Sky Tg 24, la situazione però è stata molto ingigantita: “Quello che ci è stato raccontato è che erano molto spaventati, non sanno di preciso dove sono, loro preferiscono la morte, buttarsi a mare, piuttosto che tornare in Libia”.

Matteo Salvini al momento si è solo detto molto rammaricato per la quanto deciso da Mattarella e dopo lo sbarco ha dichiarato: “A quanto pare due sono stati già individuati e altre quattro sono da identificare. Non transigo, sono violenti che hanno dirottato una nave“. Più tardi ai microfoni di RTL 102.5, il Ministro dell’Interno ha altresì commentato che se ci dovessero esser state delle violenze sicuramente qualcuno pagherà e che non permetterà assolutamente che finisca tutto a tarallucci e vino.

Appena sbarcati dalla Diciotti, i 67 migranti sono stati identificati e i due indagati sono stati ammanettati: si tratta di Ibrahim Bushara (Sudan) e Hamid Ibrahim (Ghana). Sono stati ascoltati anche i componenti dell’equipaggio della Vos Thalassa affinchè i fatti vengano ricostruiti nel modo più chiaro possibile.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mara Ricci

Mara Ricci - Personalmente credo che il Presidente della Repubblica ed il Ministro dell'Interno continueranno imperterriti a contrastare le loro vedute anche in futuro. Comprendo il pensiero di Matteo Salvini e trovo giusto che l'Italia prenda un po' di respiro per quanto riguarda gli sbarchi e gli esuberi di migranti. Giustamente la decisione presa da Mattarella è stata attuata solamente per uno scopo umanitario e per evitare rivolte e scontri con l'equipaggio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!