Iscriviti
Milano

Gravi le condizioni del cardinale Tettamanzi

Arcivescovo di Ancona-Osimo, di Genova e - dal 2002 al 2011 - di Milano, è ricoverato nella Casa di spiritualità della Diocesi, Villa Sacro Cuore di Triuggio, in gravi condizioni.

Cronaca
Pubblicato il 5 agosto 2017, alle ore 12:33

Mi piace
8
0
Gravi le condizioni del cardinale Tettamanzi
Pubblicità

Le condizioni del cardinale Dionigi Tettamanzi, 83 anni a marzo, arcivescovo di Milano dal 2002 al 2011, nel corso degli ultimi giorni si sono aggravate. Invitando la Diocesi alla preghiera per l’arcivescovo emerito, ieri mattina il cardinale Angelo Scola e monsignor Mario Delpini, arcivescovo del capoluogo lombardo dal mese scorso, con queste parole hanno dato il comunicato sulle gravi condizioni di salute: “Invitiamo tutta la comunità diocesana e coloro che lo stimano a pregare per lui in quest’ora di prova“. 

Tettamanzi si trova in Brianza, a Villa Sacro Cuore di Triuggio, la “Casa di spiritualità della Diocesi”, dove egli aveva scelto di ritirarsi alla fine del suo mandato. 

A Tettamanzi venne chiesto, nel 2002, di raccogliere il testimone dal cardinale Carlo Maria Martini, uomo di alto spessore intellettuale e rinomato biblista, che con i suoi scritti e le sue parole sferzò la città e la comunità dei fedeli, portandoli a interrogarsi sul senso della fede, e su quale fosse il compito concreto dei cristiani.

Tettamanzi allora si presentò senza pretese, nella semplice tipica del suo carattere, umile e sincero, aperto a tutti, gentile e tenace, pronto a far fronte alle difficoltà di chi si rivolgeva a lui. Lo ritroviamo negli anni del suo episcopato a fianco degli ultimi nella società, in particolare degli emarginati e degli immigrati. I suoi temi preferiti, forse mai urlati dal pulpito, ma profusi con pacatezza nei suoi discorsi e scritti, furono la carità e l’amore per gli altri, i bambini, il lavoro, i malati, i detenuti, i migranti, sempre aperto ad includere mai ad escludere.

C’è sempre stata una parola di conforto, di partecipazione, per tutti coloro che – nella sofferenza – hanno chiesto di incontrarlo: dalle persone disperate a causa di un lutto a quelle angosciate per la perdita del lavoro. Quest’ultimo tema, la disoccupazione, era per il Cardinale un vero e proprio male da combattere e, per questo, ha costituito il “Fondo famiglia-lavoro”, al fine di aiutare chi, colpito dalla crisi economica, si trovava nella difficoltà. Lo stesso Tettamanzi ci mise del suo per aprire il fondo: un milione di euro. 

In queste ore, la sua salute si è aggravata per una malattia, ma Milano e le diocesi guidate prima, Ancona-Osimo e Genova, lo ricordano, gli stanno accanto con la preghiera e l’affetto.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Ricordo il Cardinale Tettamanzi proprio per i suoi miti ma precisi interventi, per il suo interesse al mondo degli ultimi e di chi, per qualsiasi motivo, perde la speranza e la gioia di vivere. Gli stiamo accanto in queste ore di agonia con la preghiera e l'affetto, sicuri della sua paterna benedizione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!