Iscriviti
Venezia

Giovane muore nelle acque di Jesolo nel giorno di ferragosto

Il ventitreenne si era tuffato in mare da un pedalò preso a noleggio, non riemergendo più dalle acque: subito erano scattate le ricerche, concluse questa mattina con il ritrovamento del corpo senza vita.

Cronaca
Pubblicato il 16 agosto 2019, alle ore 13:36

Mi piace
5
0
Giovane muore nelle acque di Jesolo nel giorno di ferragosto

Questa mattina L’ANSA ha reso noto che, nella spiaggia veneta di Jesolo, è stato recuperato in mattinata il corpo senza vita di un giovane che ieri, durante la giornata di ferragosto, all’altezza della spiaggia di piazza Trieste verso le 14.30, si era tuffato da un pedalò preso a noleggio: Elhadji Malick Diagne, ventitreenne di origine senegalese, si era allontanato assieme agli amici ed al fratello al largo del mare, da circa 200 metri dalla battima, all’altezza della Torretta 17 vicino a Piazza Drago, non riemergendo più però dalle acque jesolane.

Il ragazzo viveva da anni in Veneto con la sua famiglia, prima nel comune veneziano di Ceggia e successivamente, per lavoro, a Ponte di Piave, in provincia di Treviso, dove era operaio.

Il piano di emergenza per la ricerca in mare

Guardia costiera, vigili del guoco, varabinieri, operatori di salvataggio della spiaggia, e Jesolo Turismo, sono subito intervenuti verso le 14.50 circa, in seguito all’allarme, con l’attivazione del piano di emergenza per la ricerca in mare: le ricerche erano proseguite verso sera fino a scorrere lungo la foce del Sile, con l’ausilio di mezzi, elicotteri ed i  sommozzatori provenienti dal comando di Mestre, condotti in un elicottero dei vigili del guoco nella spiaggia davanti a via Bafile.

Stamane, dalle 6.00, erano state riavviate le ricerche fino a quando, verso le 9.00, i sommozzatori hanno ritrovato il corpo del ragazzo, a circa 60 metri dal luogo della scomparsa: è stato quindi trasportato tramite un’imbarcazione presso il comune di Cavallino-Treporti e, successivamente, preso in carico dagli operatori del 118. Attualmente, il cadavere si trova nell’obitorio di Jesolo per lo svolgimento delle indagini dell’autorità giudiziaria.

I festeggiamenti con i fuochi d’artificio, previsti come di consuetudine per la giornata di ferragosto, sono stati naturalmente rimandati in segno di lutto alla serata del 17 Agosto, in seguito da una giunta straordinaria del comune di Jesolo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Lara Tubia

Lara Tubia - Il ritrovamento del giovane Elhadji Malick Diagne è stato reso possibile dal grande dispiegamento di soccorritori che sono intervenuti per la sua ricerca, nella giornata di ieri e questa mattina: anche il comune di Jesolo ha dimostrato grande sensibilità ed empatia per l'accaduto. Purtroppo, ciò non ha potuto comunque impedirne la sua prematura morte.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!