Iscriviti
Genova

Genova: l’ultimo abbraccio alla figlia di 3 anni prima della tragedia

Mentre la mamma s'allontana per andare a prendere i fratellini, la figlia di tre anni la guarda dalla finestra probabilmente socchiusa. Si sporge, cade e muore sotto gli occhi della madre che l'abbracciava.

Cronaca
Pubblicato il 5 dicembre 2019, alle ore 09:21

Mi piace
6
0
Genova: l’ultimo abbraccio alla figlia di 3 anni prima della tragedia

Aveva la febbre la bambina di tre anni che è caduta mentre guardava dalla finestra del quinto piano se vedeva la mamma. Dopo pochi istanti dal suo abbraccio, è morta. Proprio perché non stava bene e faceva freddo, la piccola sarebbe rimasta a casa, da sola, ma solo per qualche attimo, il tempo di andare a prendere gli altri due figli in età scolare.

Il grave incidente è avvenuto a Genova, in un palazzo del centro. La madre doveva star fuori solo il tempo di riportare a casa i due figli di 8 e 10 anni: la bimba, questa volta non aveva potuto portarla con sé, perché ammalata. La piccola ha seguito con lo sguardo la mamma, dall’alto, sporgendosi col il corpo oltre il dovuto, e ha perso l’equilibrio. È stata la mamma a raccoglierla da terra dopo aver sentito il tonfo alle sue spalle.

Il tempo di un abbraccio 

Nel cuore del centro storico di Genova, in vico San Marcellino, si son sentite le urla, prima quelle della bambina, poi quella della madre che prendendola in braccio e accortasi della gravità in cui versava la figlia si è spostata in una piazza vicina chiedendo aiuto. 

Uno dei commercianti, che ha assistito alle lacrime della donna, ha riferito: “Urlava disperata, le abbiamo detto di calmarsi e abbiamo chiamato l’ambulanza“. Giunti i soccorsi, si è riaccesa la speranza, ma nessun tentativo dei medici è riuscito a riportare in vita la bambina morta sotto gli occhi della mamma. Tutto è accaduto in pochi istanti, lasciando sconvolti la famiglia e il quartiere.

Gli investigatori stanno raccogliendo ogni particolare per ricostruire i fatti. Secondo le prime ipotesi la bambina “sarebbe precipitata proprio mentre la madre era in strada, appena uscita dal portone di casa“, scrive tgcom24.  La finestra, probabilmente rotta, era aperta o socchiusa e, per la bambina che voleva vedere la mamma, è stato facile aprirla, allungarsi, e perdere l’equilibrio.

La donna, originaria del Bangladesh, in stato di shock, è stata accompagnata in questura. Su repubblica.it si legge che “Il pubblico ministero di turno Marco Airoldi l’ha indagata per abbandono di minore seguito da morte, una aggravante del primo reato“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Penso che perdere una figlia e avere il dito puntato su di sé sia una delle cose peggiori che possono accadere a una madre. E non c'è giustificazione, perché tutti, col senno di poi, sappiamo dire come avrebbe potuto fare: affidarla ai vicini, coprirla, chiedere ad un altro genitore di riaccompagnare a casa gli altri due figli, e così via...Tutti sappiamo come avrebbe potuto fare, ma col senno di poi è più facile trovare il male minore: nella realtà nessuno si aspetta il male peggiore, tanto meno una madre. Certo, bisognerebbe preventivarlo.

Lascia un tuo commento
Commenti
Laura Filippi
Laura Filippi

06 dicembre 2019 - 11:26:08

Da mamma, mi vengono i brividi.

0
Rispondi
Laura Filippi
Marilena Carraro

06 dicembre 2019 - 14:12:06

ne sono convinta!

0