Iscriviti
Roma

Gaia e Camilla: morte investite a Corso Francia, otto anni a Genovese

Genovese è stato processato con rito abbreviato, investì e uccise le due ragazze la notte del 21 dicembre dello scorso anno, condannato a otto anni di reclusione per omicidio stradale plurimo.

Cronaca
Pubblicato il 19 dicembre 2020, alle ore 19:29

Mi piace
2
0
Gaia e Camilla: morte investite a Corso Francia, otto anni a Genovese

Due ragazze nel fiore degli anni, così sono state uccise Gaia e Camilla, a sedici anni, la notte del 21 dicembre, dell’anno scorso a Roma, a Corso Francia, falciate da un suv guidato da Pietro Genovese, 20 enne, figlio del regista, una notte che non scorderà mai. Si trova agli arresti domiciliari.

Le due ragazze che avrebbero attraversato fuori dalle striscie, al buio, in un tratto poco illuminato, falciate in pieno dalla macchina. Ma è arrivata la sentenza, emessa dal gup Gaspare Sturzo; inizialmente erano stati chiesti cinque anni, dal pm Roberto Felici , ma secondo le indagini, il tasso alcolemico del ragazzo era sopra la media, inoltre guidava parlando al cellulare, a velocità sostenuta e non avrebbe minimamente notato le ragazze.

Condannato a otto anni di reclusione, per omicidio stradale plurimo, con rito abbreviato, dovrà ora scontare la sua pena. I genitori delle due ragazze si ritengono soddisfatti, nonostante siano affranti dalla scomparsa delle due , ma dicono che finalmente giustizia è stata fatta e che è stato dimostrato che le due attraversavano con il verde, e la colpa è stata tutta del Genovese.

Il ragazzo si è sempre difeso sostenendo di non aver minimamente visto le due ragazze, quella terribile notte, centrandole in pieno, né Gaia e Camilla potevano vedere il Suv in arrivo, né l’imputato poteva accorgersi delle due ragazze. La visibilità, è stato riconosciuto, era ostruita da un’auto (non è mai stato identificato il conducente) che era arrivata pochi secondi prima.

Il conducente aveva frenato accorgendosi delle sedicenni che attraversavano e riuscendo ad evitarle. È l’auto che Genovese supera da sinistra, travolgendo Gaia e Camilla che continuano la loro corsa. Una tragedia quindi che si poteva evitare se il ragazzo avese viaggiato a meno km orari dato che l’altra auto era riuscita a frenare, notando le due ragazze attraversare.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Martina Capit

Martina Capit - Dispiace per il ragazzo che dovrà andare in carcere, ma purtroppo era una sentenza inevitabile, l'omicidio stradale era da molti anni, che doveva essere approvato per legge, dato che roma città molto pericolosa, in quanto a traffico, vanta numerosi incidenti stradali ogni giorno; una preghiera per le due ragazze lassù in cielo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!