Iscriviti
Roma

Fratelli Bianchi: dagli altri detenuti arrivano continue minacce e insulti

La vita in carcere dei fratelli Bianchi, accusati dell'omicidio del 21enne Willy Monteiro Duarte, continua ad essere difficilissima poiché dagli altri detenuti arrivano continue minacce e insulti.

Cronaca
Pubblicato il 18 settembre 2021, alle ore 12:45

Mi piace
0
0
Fratelli Bianchi: dagli altri detenuti arrivano continue minacce e insulti

Ascolta questo articolo

I fratelli Bianchi, sono accusati di aver ucciso senza alcun motivo un giovane e indifeso, Willy Monteiro Duarte, massacrato a Colleferro nella notte tra il 5 e il 6 settembre per aver cercato di aiutare un amico in difficoltà. 

Ora la vita di Marco e Gabriele Bianchi è ben diversa da quella che facevano prima tra muscoli da mostrare, locali alla moda, champagne e divertimento sfrenato. 

La vita in carcere dei fratelli Bianchi 

Da quando sono entrati in carcere, i fratelli Bianchi devono pensare a lavarsi i panni, a cucinarsi qualcosa ma soprattutto a fare i conti con gli altri detenuti. Stando alle intercettazioni dei loro colloqui in carcere, in questi mesi c’è ci sarebbe chi ha sputato nel loro cibo, chi li ha minacciati e persino chi li ha insultati. 

Per loro le mura carcerarie sono diventate un vero e proprio incubo. La stessa cosa è per Mario Pincarelli, anche lui imputato per l’omicidio del 21enne di origine capoverdiana. Tra i tre c’è chi ha pensato al suicidio e chi è scoppiato in lacrime al punto da richiedere l’intervento di un medico, come racconta racconta oggi Repubblica.

Cosa è emerso dalle intercettazioni nel carcere 

Dalle intercettazioni nel carcere di Rebibbia, i fratelli Bianchi, ben lontani dai lussi di un tempo, hanno una vita completamente stravolta. Marco Bianchi sta sempre da solo, si fa i capelli da solo, cucina da solo, lava da solo e lo chiamano “infame”. Qualcuno gli avrebbe sputato addosso, altri gli avrebbero messo un chiodo dentro il dentifricio, altri ancora gli avrebbero sputato nelal pasta. 

Gli amici, con loro nella terribile notte del massacro, sono tutti spariti e la famiglia si dice costretta a vendere tutto, perchè non è rimasto loro più niente. Il fratello Alessandro racconta che a Gabriele hanno mandato 6 milioni di messaggi, pieni di insulti, tra cui “figlio di puttana” e altre peggior cose, mentre Mario Pincarelli, parlando col padre Stefano, gli avrebbe confessato di essere stato picchiato ma non di non fregarsene nulla se lo picchiano, come se si fosse rassegnato. Alcuni detenuti gli avrebbero urlato di impiccarsi e lui avrebbe pensato di farla finita. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - La vita in carcere dei fratelli Bianchi non è affatto facile ma è il prezzo che devono pagare per aver ucciso un ragazzo senza motivo. La giustizia deve fare il suo corso ed è giusto che paghino con il carcere a vita per quello che hanno commesso. La mia profonda vicinanza ai familiari della vittima.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.