Iscriviti

Francesco prenota 1 tampone ogni 2 giorni e non fa il vaccino: gli danno del matto

Francesco Ulissi per andare a lavoro ha scelto di ottenere il Green pass, che da domani sarà obbligatorio, facendo 1 tampone ogni 2 giorni. Gli danno del matto e gli dicono di spendere i soldi dei tamponi in viaggi.

Cronaca
Pubblicato il 14 ottobre 2021, alle ore 17:37

Mi piace
0
0
Francesco prenota 1 tampone ogni 2 giorni e non fa il vaccino: gli danno del matto

Francesco Ulissi, 35 anni, impiegato da 15 alla Neomec, un‘azienda di Pesaro che si occupa di impianti automatizzati, ha scelto, per andare a lavorare, di fare 1 tampone ogni 2 giorni per tre mesi. Come ben sappiamo, da domani, 15 ottobre 2021, il green pass sarà obbligatorio per tutti i lavoratori e Francesco ha prenotato in 2 farmacie della sua città test-Covid continuativi, fino al 31 dicembre, spendendo 200 euro al mese.

Intervistato da Fanpage, ha dichiarato di non essere contrario al vaccino ma di non volerlo fare, aggiungendo che in tanti lo considerano matto, consigliandoli di spendere quei soldi in vacanze piuttosto che in tamponi.

Le dichiarazioni di Francesco Ulissi 

Francesco si è sentito dire: “Sei un cretino a spendere tutti quei soldi in tamponi, sei matto. Vattene in vacanza!”. Ma come ha controbattuto? Dicendo che è una scelta sua, che pagherà lui, senza danneggiare nessuno. Anzi, Ulissi aggiunge di sentirsi più controllato rispetto a un soggetto vaccinato che, con il ciclo completo di dosi, pensa di essere completamente immune.

Il 35enne ha dichiarato di non essere contrario al vaccino ma di essersi astenuto dall’obbligo di farlo, in questo periodo, perchè si sta sottoponendo a delle analisi cliniche insieme a sua moglie e teme che i risultati possano essere sfalsati dall’inoculazione del siero. Francesco ha precisato che i medici non gli hanno sconsigliato di fare il vaccino durante queste visite che sta facendo ma di essere arrivato da solo a questa conclusione quando, 6 mesi fa, ha iniziato a fare i controlli.

L’impiegato ha semplicemente preferito fare così in questa fase della sua vita, spendendo 200 euro al mese per sottoporsi a 3 tamponi a settimana da venerdì 15 ottobre fino al 31 dicembre per un totale di poco più di 500 euro. L’uomo ha concluso l’intervista rilasciata a Fanpage dicendo che ognuno è libero di fare le sue scelte e che non è contrario a nessun tipo di vaccino ma di spendere i suoi soldi come vuole.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una storia particolare quella di Francesco che, pur non essendo un no vax, ha deciso di effettuare i tamponi piuttosto che farsi inoculare il vaccino per non compromettere, a suo dire, il risultato di alcune analisi cliniche alle quali si sta sottoponendo. Ovvio che questa sua decisione divida i lettori in favorevoli e contrari. Io preferisco non esprimermi perchè la questione è molto complessa e delicata.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!