Iscriviti

Franca Viola: no al matrimonio riparatore

Il primo NO lo gridò il padre, rompendo il fidanzamento ufficiale della figlia con il nipote di un mafioso, e il secondo NO lo urlò Franca Viola rifiutando il matrimonio riparatore, dopo essere stata sequestrata e violentata.

Cronaca
Pubblicato il 6 agosto 2021, alle ore 18:16

Mi piace
1
0
Franca Viola: no al matrimonio riparatore

La liberazione per le donne dal matrimonio riparatore è avvenuto 40 anni fa grazie a Franca Viola di Alcamo, classe 1948, figlia di due coltivatori siciliani. La ragazza ha 15 anni quando si fidanza con un ragazzo del suo paese, Filippo Melodia, nipote di un mafioso, di cui il giovane segue le orme sino a finire in prigione.

A quel punto il primo “No” lo grida il papà di Franca, determinato nel rompere il fidanzamento ufficiale di sua figlia, nonostante il rischio di essere emarginati dalla comunità. E’ il 26 dicembre del 1965 quando Franca e il fratellino vengono rapiti dagli uomini al servizio dei Melodia, e mentre il piccolo viene rilasciato quasi subito, la sorella viene rinchiusa in un casolare e violentata ripetutamente per 5 interminabili giorni.

Una volta riportata a casa, umiliata, sfinita e “disonorata”, il padre di Franca viene contattato dalla famiglia Melodia per una proposta di matrimonio, in modo ridare “dignità sociale e morale” alla reputazione della fanciulla e suggellare un patto di pace tra i genitori di entrambi. A quell’epoca, l’articolo 544 del codice penale italiano, prevedeva la forma del “matrimonio riparatore” per estinguere il reato di sequestro di persona e violenza carnale.

Ed è qui che arriva il secondo “No”, questa volta urlato da Franca Viola, trascinando in tribunale i suoi sequestratori, successivamente processati e condannati, tra cui Filippo Melodia, il quale dopo aver scontato la pena, sarà ucciso da un colpo di lupara da persone ignote.

Il ministro di allora, Oronzo Reale, propose di abolire la norma del codice penale sul matrimonio riparatore, ma bisognerà attendere il 1981 per ottenere tale risultato, insieme all’abolizione del delitto d’onore, e attendere addirittura il 1996 per far approvare la legge che intende lo stupro come un reato contro la persona, e non solo contro la morale.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rossana Lucente

Rossana Lucente - Penso che il mondo necessiterebbe ancora del coraggio dimostrato da Franca Viola, come dimostrano i numerosi matrimoni combinati in alcuni paesi, come il Marocco e l'India dove le famiglie scelgono il futuro sposo della figlia, probabilmente su basi economiche e non su scelte sentimentali, negando alle donne ogni infatuazione romantica e privandole di ogni sensazione di piacere fisico.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!