Iscriviti

Forli-Cesena, presepe di Villalta: un omaggio alla bigenitorialità e all’amore paterno

Nel presepe di Villalta, Giuseppe culla Gesù Bambino mentre Maria riposa dopo il parto. I volontari che lo hanno realizzato spiegano che in esso hanno voluto omaggiare la bigenitorialità.

Cronaca
Pubblicato il 13 dicembre 2021, alle ore 21:21

Mi piace
0
0
Forli-Cesena, presepe di Villalta: un omaggio alla bigenitorialità e all’amore paterno

Chi si trova anche solo di passaggio in provincia di Forli-Cesena, esattamente a Villalta, frazione di Cesenatico, può visitare un presepe in strada davvero originale, ra i più ammirati di ogni anno. 

Per il Natale 2021, i volontari che lo hanno realizzato, hanno voluto rappresentare la Natività, omaggiando la bigenitorialità e l’amore paterno, dato che è Giuseppe che culla il Bambino Gesù poco dopo la nascita, consentendo a Maria, sdraiata accanto ai due, di riposare dopo il parto.

La spiegazione del presepe data da chi lo ha realizzato

I volontari, che hanno realizzato il presepe, hanno spiegato che si tratta della messa in pratica fedele di una lettera pastorale, denominata “Tutto suo padre, Gesù il figlio di Giuseppe”; lettera che il Vescovo di Cesena, Douglas Regattieri, aveva recentemente dedicato alla figura di San Giuseppe, accompagnata da un’immagine di San Giuseppe, in piedi, con Gesù Bambino tra le braccia.

I volontari hanno detto: “Abbiamo voluto dare visibilità a quella bella immagine di una piena paternità di Giuseppe che culla suo figlio appena nato come qualunque papà, laaciando riposare Maria“. Il presepe è costituito da 23 statue a grandezza naturale, realizzato dai volontari del comitato culturale Il Mulino che unisce il simbolismo plastico del messaggio attualizzato.

Giuseppe e Maria, stavolta cambiano ruolo: lui culla Gesù, mentre lei, stanca, si riposa. Si tratta di un riconoscimento alla figura paterna, colta in un atteggiamento di amore del papà per antonomasia verso il figlio; un tributo alla sensibilità e al rispetto mostrato nei confronti della donna, della madre per eccellenza: Maria. 

In esso dunque non c’è nessuna rivisitazione modernista o provocazione sessista. L’idea, spiega Mauro Moschini, uno degli animatori del presepe, è venuta a marzo, mentre ad agosto è iniziata la realizzazzione di due nuove statue: quella di San Giuseppe che, al centro della scena, tiene in braccio il bambino, e quella di Maria, distesa a riposare su un pagliericcio. Gli ideatori hanno celebrato cosi San Giuseppe, alla cui immagine la Chiesa ha dedicato il 2021. Il presepe è visitabile in via Cesenatico fino a domenica 16 gennaio.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Ritengo che questo presepe sia bellissimo, improntato al rispetto di ambedue le figure genitoriali, un presepe che dovrebbe essere visitato e spiegato a tutti coloro che ancora non hanno capito quanto, in una coppia, sia fondamentale la collaborazione e lo scambio dei ruoli tutte le volte che ce ne sia la necessità.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!