Iscriviti

Foggia: genitore picchia vicepreside per aver rimproverato il figlio

Sabato scorso, in una scuola secondaria di I° grado di Foggia, un genitore si è scagliato contro il vicepreside della struttura scolastica. La colpa dell'insegnate: aver rimproverato l'alunno!

Cronaca
Pubblicato il 12 febbraio 2018, alle ore 19:59

Mi piace
7
0
Foggia: genitore picchia vicepreside per aver rimproverato il figlio
Pubblicità

Vicepreside della scuola secondaria di I° grado di Foggia, ” L. Murialdo”, ha riportato 30 giorni di prognosi riservate dopo le percosse ricevute dal genitore di un alunno della sua scuola. Il tutto è avvenuto sabato scorso, quando il genitore di quest’alunno si sarebbe scagliato contro l’insegnate, che aveva rimproverato il figlio, il giorno precedente. L’uomo è stato colpito prima alla testa, e poi all’addome, da una serie di pugni.

L’uomo si sarebbe recato, sabato scorso durante l’orario di ingresso degli alunni nelle classi, eludendo la vigilanza e la sorveglianza da parte dei collaboratori scolastici e, alla vista del vicepreside, si sarebbe avventato contro di lui in maniera talmente violenta da evitare ogni possibile intervento di aiuto da parte sia dei collaboratori scolastici che degli insegnanti, presenti al momento dell’aggressione.

Solo in un secondo momento, il vicepreside è stato liberato dalla morsa del suo aggressore grazie all’intervento tenace da parte dei collaboratori scolastici. Dal canto suo, l’insegnante – nonostante i colpi ricevuti sia alla testa che all’addome – non ha mai reagito al genitore. I presenti, ovviamente, hanno chiamato subito sia le forze dell’ordine che i sanitari, che sono accorsi sul luogo dell’aggressione.

Stando alle dichiarazioni scritte dalla comunità scolastica, il vicepreside in qualità di vigilante e sorvegliante degli alunni, il giorno precedente, avrebbe rimproverato il figlio dell’uomo che l’ha aggredito, perché spingeva in continuazione alcune compagne di classe in fila davanti a lui. L’insegnante avrebbe così deciso di prendere l’alunno per un braccio, e poi l’avrebbe allontanato dalla intera fila.

Questa sarebbe la causa scatenante dell’aggressione subita dal vicepreside di questa scuola secondaria di I° grado di Foggia, da parte di questo genitore. Il genitore, ascoltando solamente la versione del figlio, senza chiedere spiegazioni in merito all’accaduto, si sarebbe recato a scuola la mattina presto, scagliandosi in maniera violenta contro il vicepreside.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Thaira Momesso

Thaira Momesso - Questa situazione è davvero assurda: non si può sentire che un genitore picchi un insegnante perchè ha rimproverato il proprio figlio. Secondo il mio modesto parere, i genitori dovrebbero tornare ad essere genitori, ovvero educare i figli e non fare gli amici e difendere i figli a spada trattata anche quando si comportano male, come in questo caso, perchè - il più delle volte, quando si asseconda un tipo di comportamento - poi le cose diventano più gravi e più complicate da gestire.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!