Iscriviti
Firenze

Firenze, Tribunale condanna un indagato deceduto e gli notifica l’esecuzione della pena

Ha dell'incredibile la vicenda che arriva da Firenze, dove un 53enne deceduto due anni fa rischia di essere condannato al carcere nonostante non ci sia più. Il suo avvocato in questi giorni si è visto recapitare l'ordine di esecuzione della pena definitiva.

Cronaca
Pubblicato il 10 dicembre 2021, alle ore 14:51

Mi piace
0
0
Firenze, Tribunale condanna un indagato deceduto e gli notifica l’esecuzione della pena

Quella che vi stiamo per raccontare è una vicenda assurda, che ha davvero dell’incredibile e che sembra uscita da una barzelletta. Invece no, è tutto reale. Una persona deceduta due anni fa, un 53enne di Sesto Fiorentino (Firenze), rischia comunque di essere “arrestato” in quanto, in questi giorni, il suo avvocato, Giovanni Marchese, ha ricevuto dal Tribunale l’ordine di esecuzione della pena definitiva. Nell’atto c’è scritto che il condannato, anche se deceduto, rischia il carcere se non verrà presentata una istanza di pena alternativa

Tutto ha avuto inizio nel 2010, allorquando l’uomo sottoposto ad indagine venne indagato appunto per peculato. Nella fattispecie il 52enne svolgeva, di fatto, le funzioni di amministratore di un’agenza di pratiche auto. Nel corso della sua attività lavorativa si sarebbe intascato i soldi dei bolli auto, somme che, di norma, devono essere versate poi all’Aci. Dopo le indagini da parte dell’autorità giudiziaria l’uomo è stato sottoposto a processo penale, ma nel frattempo è venuto a mancare. 

Giustizia eterna

Già nel 2012 il 53enne venne condannato con il rito abbreviato a 1 anno e 4 mesi di reclusione. A novembre del 2019 si è invece tenuto il processo dinanzi la Corte d’Appello. Il suo legale si stava preparando per l’udienza, quando poche ore prima di entrare in Tribunale venne a sapere che il suo assistito era morto.

Nonostante il decesso dell’indagato i giudici diedero comunque lettura della sentenza: in quel frangente l’autorità giudiziaria decise di aumentare la pena di reclusione a 2 anni e 2 mesi. Il legale, nonostante tutto, si è visto recapitare l’ordine di pena definitiva e adesso dovrà lavorare per risolvere la situazione. 

Tra l’altro, come è noto, il decesso di un indagato estingue automaticamente il reato, per cui non si può assolutamente essere condannati. Nonostante tutto in questo caso, per motivi che non spetta a noi giudicare, la vicenda giudiziaria è andata avanti lo stesso, con tanto di condanna per il povero defunto. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Purtroppo questa è una vicenda vera, che potrebbe far sorridere, ma che sta creando non pochi grattacapi all'avvocato che ha difeso l'uomo in vita, in quanto il suo assistito è deceduto. Come mai il processo giudiziario sia andato avanti resta un mistero. I fatti saranno sicuramente chiariti a breve. La notizia ha fatto il giro di tutta la nazione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!