Iscriviti
Firenze

Firenze: arrestate due mamme per abusi sulle figlie. In manette anche il padre di una delle due bimbe

In manette due donne accusate di utilizzare le loro figlie per produrre materiale pedopornografico. In galera anche un uomo, che avrebbe concepito, con una delle due donne, una bambina al solo scopo di realizzare le loro fantasie sessuali.

Cronaca
Pubblicato il 8 febbraio 2020, alle ore 13:20

Mi piace
6
0
Firenze: arrestate due mamme per abusi sulle figlie. In manette anche il padre di una delle due bimbe

Orrore scoperto dalla polizia postale della Toscana che ha proceduto all’arresto di tre persone, due donne e un uomo, accusate di violenza sessuale su minori di 10 anni, e di produzione e divulgazione di materiale pedopornografico.

Le due donne, entrambe quarantenni, residenti a Terni e in provincia di Reggio Emilia, utilizzavano le loro figlie, di 10 e 4 anni, per commettere abusi sessuali, filmarli e diffondere i video su internet o inviarli tramite chat ad altri pedofili.

L’uomo arrestato, anche lui 40enne, di Grosseto, è risultato essere il padre di una delle due bambine e, secondo il gip Agnese Di Girolamo, avrebbe concepito la figlia, con il consenso della sua compagna, al solo scopo di sfogare sulla piccola le loro fantasie sessuali e filmarle. Tale orribile decisione emergerebbe da una chat privata tra l’uomo e la donna. Ai due è stato contestato il reato di pornografia minorile “per aver divulgato notizie e informazioni finalizzate allo sfruttamento sessuale dei minori di anni 18, prodotto materiale pornografico realizzato con minori di 18 anni, nonché di violenza sessuale nei confronti di minori per aver costretto una persona minore a subire rapporti sessuali”.

Il pedofilo arrestato era già stato imprigionato ad Agosto per detenzione di materiale pedopornografico, ma aveva richiesto ed ottenuto gli arresti domiciliari. La polizia lo ha condotto nel carcere di Grosseto e posto in isolamento, per evitare che possa subire un linciaggio da parte degli altri detenuti, che non perdonano chi si macchia di questo orribile reato.

I video che i tre pedofili giravano sui loro abusi e che venivano diffusi via chat, principalmente attraverso gruppi WhatsApp e Telegram, sono stati rinvenuti su smartphone, tablet e pc degli arrestati. Rinvenuto anche un manuale, che l’uomo aveva scaricato da internet, con l’elenco delle pratiche pedofile da usare con i minori. L’uomo istruiva le due donne che poi gli inviavano i video delle violenze. Le due bambine sono state affidate ai servizi sociali, e condotte in un luogo sicuro.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Costantino Ferrulli

Costantino Ferrulli - Ero indeciso se scrivere questo articolo per via dell’orrore che suscita questa storia. Ma, nascondere l’orrore, non aiuta mai a tirar fuori la verità. Non ci sono molte parole per commentare questa storia, ma solo l’augurio che le due bimbe possano un giorno dimenticare quando subito ed essere affidate ad una vera famiglia. Per i tre arrestati, mi auguro che abbiano la giusta pena e che questa volta la burocrazia legalese non li faccia uscire dalla prigione.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!