Iscriviti

Ferrara, gli immigrati si rivoltano contro le forze dell’ordine. Arriva anche l’Esercito

Un nigeriano viene investito da un'auto durante un inseguimento con i carabinieri. Scatta la protesta e in poche ore Ferrara diventa un campo di battaglia. Salvini: "Roba da matti, interverrò"

Cronaca
Pubblicato il 18 febbraio 2019, alle ore 13:35

Mi piace
1
0
Ferrara, gli immigrati si rivoltano contro le forze dell’ordine. Arriva anche l’Esercito

E’ famosa per essere una nota piazza di spaccio degli stupefacenti; qualche mese fa, la città era stata teatro di una violenta battaglia tra nigeriani per il controllo del mercato della droga. I due gruppi si erano fronteggiati a colpi di machete, in mezzo alla strada e tra la gente terrorizzata. Per terra c’era di tutto: sangue, feriti, bottiglie rotte.

Ieri sera è scoppiata una rivolta tra immigrati e forze dell’ordine. Tutto è accaduto dopo che un nigeriano è stato investito da un’auto durante un inseguimento con i carabinieri. La notizia della sua presunta morte all’ospedale ha agitato gli animi degli immigrati.

Alcuni di loro, come in una vera e propria guerriglia urbana si sono scontrati contro le forze dell’ordine, hanno ribaltato i cassonetti della spazzatura e dato fuoco ai rifiuti. In poco tempo, le strade di Ferrara si sono tramutate in un campo di battaglia. Per questo motivo, i carabinieri hanno dovuto chiamare i rinforzi e sono giunti anche i militari dell’esercito per evitare il peggio.

Nicola Lodi, esponente della Lega ferrarese, ha raccontato ai giornali quei tragici momenti che ha vissuto: “Ci siamo trovati faccia a faccia con circa 100 nigeriani, non è stato facile. Ci hanno accerchiato e minacciato e il messaggio è questo: se il ragazzo investito è morto, domani succederà la guerra a Ferrara. Farete una brutta fine”.

I carabinieri hanno inutilmente smentito la notizia della morte del giovane. Inoltre, sono riusciti anche a tranquillizzare un nigeriano, che era andata in escandescenza, senza arrestarlo, perché nei paraggi c’erano bande di spacciatori già pronti a dare battaglia contro i tutori dell’ordine. Per fare tornare la calma nella zona è stato necessario un po’ di tempo.

Sulla vicenda intanto è intervenuto anche Matteo Salvini, che dopo aver definito una “pazzia” ciò che è accaduto a Ferrara, ha promesso di essere in città in giornata per risolvere un problema che sta diventando ingestibile. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mario Barbato

Mario Barbato - Suonano ancora nelle orecchie le parole di chi disse: "L'Italia va a rotoli e il problema non sono gli immigrati". Secondo me ha ragione. Il problema non sono gli immigrati, ma chi ha permesso a questi immigrati di entrare nel nostro Paese e di trasformare le nostre città in un teatro di guerra come non si vedeva ai tempi degli Anni di Piombo

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!