Iscriviti
Milano

Fabrizio Corona, pm chiede confisca della casa di Milano: debiti anche verso il figlio per mancato pagamento alimenti

Le vicende giudiziarie del re dei paparazzi Fabrizio Corona tornano alla ribalta della cronaca stavolta per la singolare decisione del pubblico ministero di voler confiscare il lussuoso appartamento dell'imprenditore.

Cronaca
Pubblicato il 24 gennaio 2018, alle ore 10:03

Mi piace
7
0
Fabrizio Corona, pm chiede confisca della casa di Milano: debiti anche verso il figlio per mancato pagamento alimenti

Fabrizio Corona, il re dei paparazzi che nonostante la detenzione carcerarie continua a polarizzare l’attenzione del gossip e della cronaca italiana, è tornato a far parlare di se in seguito all’inaspettata richiesta del pubblico ministero di Milano Alessandra Dolci di confiscare l’appartamento dell’imprenditore a Milano.

I guai giudiziari dell’ex fidanzato della showgirl argentina Belen Rodriguez sembrano non finire mai, infatti, conclusasi la vicenda penale con la condanna ad un anno di reclusione per frode fiscale, assolto invece dall’accusa più pesante, cioè quella di intestazione fittizia dei beni, Fabrizio Corona torna nuovamente nelle aule del Tribunale di Milano, stavolta davanti alla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Milano.

Pm chiede confisca della casa e dissequestro di parte del tesoretto

Le accuse del pm aggiunto Alessandra Dolci si sono in parte ridimensionate, infatti, di quei due milioni di euro trovati in parte nel controsoffitto dell’abitazione di una collaboratrice di Corona nel capoluogo lombardo ed in parte conservati in conti in Austria, circa 1,6 milioni potrebbero rientrare nella piena disponibilità dell’imprenditore, almeno stando a quello che è stata la richiesta del pm.

Una richiesta che in pochi si aspettavano e che sta facendo molto clamore, motivata dal fatto che Corona ha pagato buona parte delle tasse dovute. Ma se da un lato c’è una buona notizia per il re dei paparazzi, dall’altra ne arriva subito una decisamente negativa. Lo stesso pm infatti ha richiesto al contempo la confisca della casa già sequestrata al Corona.

Fabrizio stesso ha avuto modo di prendere la parola in aula e lanciare il suo accorato appello per non farsi sequestrare il lussuoso appartamento in cui viveva a Milano, che stando alle valutazioni di mercato dovrebbe valere almeno due milioni e mezzo di euro. Una cifra che mai si raggiungere se andasse all’asta, ma che potrebbe invece ottenere – secondo quanto detto da Corona in aula – se fosse lui a vendere, perché ancora oggi e nonostante tutto, lui è ancora molto quotato.

L’introito della vendita della casa di Via De Cristoforis servirebbe a Corona per ripagare i debiti contratti dalla sua società Fenice srl, ma anche, forse, per ripianare i debiti nei confronti del figlio che, stando alla denuncia presentata lo scorso anno dall’ex moglie Nina Moric e dibattuta solo in questi giorni dai pm, avrebbe diritto a circa centomila euro di assegni di mantenimento mai pagati.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tiziana Terranova

Tiziana Terranova - I guai giudiziari di Fabrizio Corona sembrano non finire mai, perché se da un lato la giustizia sembra restituire il maltolto, dall'altro è pronta per prendere qualche altra cosa. Mi fa molta rabbia sapere che Fabrizio nonostante tutta la disponibilità economica non avesse pagato il mantenimento per il figlio Carlos, oggi affidato alla nonna Gabriella.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!