Iscriviti
Roma

Emergenza covid: dall’India all’Italia con tamponi falsi

Atterrati a Fiumicino diversi passeggeri affetti da coronavirus grazie a tamponi falsi pagati 30 dollari. Molti hanno preso il volo aereo anche se già malati.

Cronaca
Pubblicato il 1 maggio 2021, alle ore 20:06

Mi piace
0
0
Emergenza covid: dall’India all’Italia con tamponi falsi

L’emergenza Covid-19 ha messo praticamente in ginocchio l’intera India che registra migliaia di casi ogni giorno senza vedere una battura di arresto o rallentamento della pandemia. Gli altri stati, tra cui l’Italia, hanno inviato diversi aiuti e hanno posto delle limitazioni per tutti coloro provenienti proprio dall’India

Tra le limitazioni e le azioni poste in atto ci sono quelle di effettuare un tampone almeno 48 ore prima della partenza e lpisolamento fiduciario per 14 giorni una volta arrivati in Italia. Nonostante tutto, la variante indiana si sta diffondendo a macchia d’olio e si registrano diversi casi di questa nuova forma di covid. 

Tutto questo accade perchè in India hanno creato una rete di traffico illegale di finti tamponi i quali falsificano l’eventuale negatività o positività del test. Come si legge dal quotidiano “Il Messaggero” alcuni dei passeggeri hanno dichiarato di non aver fatto alcun tampone, ma di aver acquistato un finto certificato per soli 30 dollari il quale gli permettesse di prendere il volo senza alcun problema. 

Alcuni di questi passeggeri sono saliti al bordo degli aerei diretti in Italia già con la malattia in atto, come dimostrerebbero i test effettuati sui passeggeri atterrati in Italia. Infatti, il 9% di loro è risultato positivo. Si potrebbe pensare ad una percentuale esigua, ma queste potrebbero creare dei focolai proprio come avvenuto l’estete scorsa. 

Sotto accusa è il sistema messo a punto dal Ministero della sanità, un sistema giudicato subdolo, troppo semplice da eludere e che sarebbe difficile da tracciare. A tal proposito è intervenuto l’assessore della Sanità del Lazio, Alessio D’Amato: “Davvero pensiamo che un lavoratore tornato dall’ India legge l’ordinanza e di sua iniziativa decide di isolarsi? Serve un sistema del tutto differente, bisogna recuperare le liste dei passeggeri tornati dall’India, dal Bangladesh e dallo Sri Lanka, e inviarle alle varie Asl”

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - E' una situazione davvero difficile da affrontare quella dell'emergenza covid, soprattutto se legata ad altri paesi, ma a rendere le cose più complicate sono proprio questi comportamenti. E' davvero da criminali fare un certificato finto per arrivare in un altro paese e rischiare di creare una rete di contagi difficili o impossibili da tracciare. Il ministro della sanità dovrà pensare ad un sistema diverso per arginare quanto prima il problema per salvaguardare la salute e l'economia degli italiani.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!