Iscriviti

Emergenza coronavirus: al via la ricetta medica via mail o WhatsApp

Al fine di ridurre gli spostamenti, per contenere la diffusione del COVID-19, pubblicata un'ordinanza della Protezione Civile per la dematerializzazione della ricetta medica

Cronaca
Pubblicato il 21 marzo 2020, alle ore 12:31

Mi piace
5
0
Emergenza coronavirus: al via la ricetta medica via mail o WhatsApp

In questo periodo di grave emergenza sanitaria per la pandemia coronavirus, l’obiettivo principale deve essere quello di limitare al minimo gli spostamenti. Per questo motivo, già da qualche giorno, quasi tutte le attività commerciali sono chiuse, e gli spostamenti sono consentiti solo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute e rientro al proprio domicilio, abitazione o residenza. Chiunque esca di casa, in caso di controllo, deve sottoscrivere un’autocertificazione che viene acquisita dalle forze dell’ordine e sottoposta a verifica.

Al fine di ridurre ulteriormente le uscite fuori casa, è stata emanata un’ordinanza della Protezione Civile che consente ai cittadini di ricevere dal proprio medico la ricetta dematerializzata per l’acquisto dei farmaci, senza recarsi presso l’ambulatorio.

In pratica, l’assistito che ha necessità di farmaci, può evitare di recarsi presso lo studio del medico, ma ha la facoltà di chiedere di ricevere la ricetta tramite mail, SMS o messaggio su una applicazione per telefonica mobile tipo WhatsApp.

L’ordinanza numero 651 del 19 marzo 2020 prevede che, al momento della generazione della ricetta elettronica, il medico può fornire, a richiesta dell’assistito, un promemoria dematerializzato ovvero l’acquisizione del Numero di Ricetta Elettronica mediante:

  • trasmissione del promemoria in allegato ad un messaggio di posta elettronica;
  • comunicazione del Numero di Ricetta Elettronica con SMS o messaggio WhatsApp o altra applicazione di messaggistica per telefonia mobile;
  • comunicazione telefonica del Numero di Ricetta Elettronica.

Il cittadino a questo punto deve recarsi in farmacia per l’acquisto dei farmaci, con il Numero di Ricetta Elettronica e la propria tessera sanitaria.

Soddisfazione del Ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha dichiarato: “Dobbiamo fare di tutto per limitare gli spostamenti e ridurre la diffusione del virus Covid-19. Puntiamo con forza sulla ricetta medica via email o con messaggio sul telefono. Un passo avanti tecnologico che rende più efficiente tutto il sistema sanitario nazionale”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Costantino Ferrulli

Costantino Ferrulli - Ottima iniziativa quella del Ministero della Salute e della Protezione Civile. Ricevere la ricetta medica con gli strumenti che usiamo ogni giorno (mail, SMS, messaggio WhatsApp) evita al cittadino di recarsi presso lo studio medico, evitando uno spostamento e lo stazionamento in un luogo suscettibile di contagio. In questo modo resta solo l’uscita per la farmacia, salvo che non si utilizzi un sistema di consegna a domicilio.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!