Iscriviti
Milano

Daniela Molinari, l’infermiera abbandonata dalla madre biologica, ha iniziato le cure sperimentali in America

Daniela Molinari, l'infermiera di 47 anni gravemente malata di tumore, ha iniziato le terapie sperimentali negli Stati Uniti. Per potervi accedere è stato necessario l'intervento della madre biologica, che inizialmente si era rifiutata di aiutarla.

Cronaca
Pubblicato il 15 ottobre 2021, alle ore 15:13

Mi piace
0
0
Daniela Molinari, l’infermiera abbandonata dalla madre biologica, ha iniziato le cure sperimentali in America

Tutti noi ricordiamo Daniela Molinari, l’infermiera 47enne che alcuni mesi fa ha lanciato degli appelli in tv per cercare la madre biologica, fondamentale per il tracciamento del Dna che le serviva per accedere a delle terapie sperimentali negli USA.

Come sappiamo, la madre aveva inizialmente rifiutato di aiutarla, per poi offrirle aiuto, senza incontrarla. Finalmente una bella notizia: Daniela si trova ricoverata all’ospedale di Houston per essere sottoposta alle terapie sperimentali e da qui lancia un messaggio: “Care mamme, le mie dico, mi rivolgo a voi: abbracciamoci oggi perchè potremo non poterlo più fare”.

La sofferenza di Daniela

Daniela non nasconde di soffrire tantissimo il freddo e non pensava potesse esserci un dolore così grande e impossibile da sopportare.”Stamattina penso di non farcela, penso di mollare tutto, penso che certo come ho sempre detto la vita è un bene prezioso, ma alla sofferenza c’è un limite“. Ma la 47enne non è sola. Ha accanto il compagno Luca, da sempre vicino a lei e pronto a consolarla e a farle forza, e l’amore delle sue figlie.

Il messaggio alle due madri

La Molinari ha lanciato un appello alle due madri: “Mamma di pancia, non so nemmeno dove sei, ma tu lo sai bene esono sicura che ti interessi di come sto. Mamma di fatto, un carattere un pò particolare. Entrambe io e te, ma la vita sta provando a distruggermi, tienine conto”. Parole davvero forti, toccanti, le sue.

Daniela aggiorna il suo profilo Facebook come se fosse un diario, raccontando anche come la figlia abbia deciso di accompagnarla in questo percorso: “Mi ha accompagnato fino alla porta e mi ha abbracciata. L’abbraccio più bello del mondo, poi è andata con sua sorella e il mio amore a fare colazione”.

Daniela ha presentato una nuova richiesta al Tribunale per incontrare la madre con il patto di segretezza: accetterebbe di non sapere neppure il suo nome, ma almeno di vederla e parlarle. Per ora è stata respinta, ma non si arrende.

Quando tira le fila della sua vita,dice, c’è sempre qualcosa che manca. Pensa a lei, a un incontro mancato. Magari è un’illusione, ma è convinta che anche lei la pensi, che si interessi di come sta. Se lo sente, magari è solo un pensiero dettato dalla sofferenza, ma ci crede, ci spera e non vuole arrendersi. “Vorrei vederla e sentirmi meno sola”,confessa.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una guerriera Daniela che, nonostante tutte le sofferenze e gli ostacoli che la vita gli ha messo contro, continua a lottare con tutte le sue forze con la speranza, un giorno, di conoscere la madre biologica. Intanto si sta sottoponendo alle cure sperimentali in America e il mio augurio è che possa rispondere positivamente.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!