Iscriviti
Palermo

Dal 1 al 9 maggio Cinisi ricorderà Peppino Impastato

A quaranta anni dalla sua morte, Cinisi organizza 9 giorni ricchi di eventi per ricordare Peppino Impastato, il giornalista che fu ucciso dalla mafia.

Cronaca
Pubblicato il 28 aprile 2018, alle ore 11:45

Mi piace
7
0
Dal 1 al 9 maggio Cinisi ricorderà Peppino Impastato

Dal primo di maggio e per ben nove giorni Cinisi, paesino in provincia di Palermo, ricorderà Giuseppe “Peppino” Impastato, il giornalista attivo che fu ucciso dalla mafia il 9 maggio di quaranta anni fa.

Gli eventi organizzati prevalentemente da Casa Memoria Impastato spaziano da convegni, proiezioni video e teatrali, con numerosi invitati anche da fuori regione e la presenza di molte scuole . 

Nel programma si inseriscono anche due eventi di promozione filatelica, il primo il 3 maggio alle ore 17:30, quando nell’Aula Consiliare ci sarà la presentazione francobolli serie tematica “Il senso civico”, dedicati alla lotta alla mafia: 40° anniversario Peppino Impastato, e 25° anniversario Don Pino Puglisi, emessi da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, lo scorso 21 marzo, dal valore facciale di 95 centesimi l’uno.

Il secondo giorno, 7 maggio, dalle ore 11 alle 17 presso la Casa Memoria, di corso Umberto, con l’annullo filatelico curato da Poste Italiane, che ben si inserisce nel programma.

Sempre in questa occasione segnaliamo una proiezione video, “La Cartolina” di Giulio Guerrieri, in collaborazione con gli studenti del Liceo Legnani di Saronno (Va), del Liceo Beccaria di Milano, presso ex casa Bdalamenti. Per informazioni e per vedere meglio il programma completo è stato creato un evento sulle pagine Facebook dell’iniziativa. 

Un appuntamento da ricordare sarà quello del convegno del 4 maggio, alle ore 18:30, nell’Aula Civica, “Fare buon uso della memoria: dalla comunità smemorata alla possibilità di costruire il futuro”, a cura di Officine Psicoanalitiche e Casa Memoria Impastato. All’evento interverrà tra i relatori anche il fratello di Peppino, Giovanni. 

Infine, l’8 maggio, al convegno dal titolo “I diritti negati: il lavoro che non c’è dopo il Jobs Act” a cura di CMI e CGIL, tra gli ospiti ci sarà Susanna Cammusso, Segretario Nazionale CGIL, che farà l’ intervento conclusivo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Antonio Triolo

Antonio Triolo - Fare memoria è sempre una cosa importante, in special modo quando si cerca di ricordare un personaggio "scomodo" che per questo ha pagato con la vita il suo operato. Ed a Cinisi, in questi giorni, è il momento di un figlio della loro terra che, 40 anni or sono, è caduto per mano della mafia.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!