Iscriviti

Cremona, padre accoltella figlia di due anni e tenta il suicidio: disperato per l’imminente separazione

Spinto dalla disperazione per la separazione imminente con la moglie, accoltella a morte la figlia di soli 2 anni per poi tentare il suicidio: gravissime le sue condizioni.

Cronaca
Pubblicato il 23 giugno 2019, alle ore 15:40

Mi piace
1
0
Cremona, padre accoltella figlia di due anni e tenta il suicidio: disperato per l’imminente separazione

Un dramma quello che si è consumato nel pomeriggio della giornata di ieri, sabato 22 giugno, quando – in pieno centro di Cremona – un operaio di 27 anni ha ucciso a coltellate la figlia di appena 2 anni, spinto dalla disperazione della separazione con la moglie. Dopo aver compiuto l’orribile gesto, ha rivolto lo stesso coltello verso se stesso, tentando il suicidio. Le sue condizioni sono ancora molto gravi e si trova ricoverato presso l’ospedale del posto, piantonato dalla Polizia.

Si chiama Jacob Danho Kouao ed è originario della Costa d’Avorio. Da circa un mese, il 27enne abitava in un appartamento in via Massarotti, in pieno centro di Cremona, dopo la separazione con la moglie. Un matrimonio, quello della coppia, burrascoso e violento, tanto da obbligare i servizi sociali a prendere in custodia la donna con la figlia della coppia, di appena 2 anni, e condurle in una casa protetta.

Ancora sconosciute le cause che hanno portato il padre Jacob ad essere con la figlia Gloria in quel tragico pomeriggio: l’unica cosa certa è quanto accaduto in quegli attimi tremendi. Probabilmente spinto dalla disperazione per il divorzio imminente, il 27enne ha afferrato un coltello e ha iniziato a colpire ripetutamente la bambina, fino a toglierle la vita. Dopo aver ucciso la figlia, ha rivolto la lama contro sé stesso e ha tentato il suicidio.

L’allarme della padrona di casa e l’arrivo dei soccorsi

A dare l’allarme è stata la proprietaria dell’appartamento in affitto, avvisata dallo stesso 27enne che le ha chiesto di chiamare il 118 poiché non si sentiva bene. Quando i soccorsi sono entrati nell’appartamento, hanno trovato Gloria ormai priva di vita, e hanno tentato l’impossibile per salvare la vita al padre, ricoverato tutt’ora in ospedale in gravissime condizioni.

I soccorsi hanno subito avvertito la polizia, non avendo dubbi su quanto era accaduto all’interno di quell’appartamento, ed ora sono in corso le indagini per fare piena chiarezza sulla vicenda.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Una notizia tremenda, da pelle d'oca. Un'altra piccola creatura vittima della pazzia umana, se umana si può definire. La nostra più sincera vicinanza alla madre di Gloria, e a tutti i parenti e amici che stanno soffrendo per questa perdita davvero incommentabile, che ci lascia tutti senza parole e con il cuore in mano.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!