Iscriviti

Crema, bimbo si schiaccia le dita all’asilo: indagata la sindaca Stefania Bonaldi

La sindaca di Crema, Stefania Bonaldi, è indagata dopo un incidente verificatosi in un asilo nell'ottobre scorso, in cui un bimbo si è schiacciato 2 dita in una porta antincendio fin quasi a staccarsele.

Cronaca
Pubblicato il 8 giugno 2021, alle ore 14:44

Mi piace
0
0
Crema, bimbo si schiaccia le dita all’asilo: indagata la sindaca Stefania Bonaldi

Avviso di garanzia per il sindaco di Crema Stefania Bonaldi. Lo ha comunicato lei stessa ieri durante il consiglio comunale. Il sindaco, se si andrà a giudizio, dovrà rispondere per la vicenda delle porte antincendio montate in un asilo di Crema dove un bambino si è schiacciato due dita fin quasi a staccarsele, nel cardine di una porta tagliafuoco.

 Il fatto è avvenuto lo scorso 20 ottobre e il bambino era stato operato al San Raffaele di Milano per non perdere il dito. I genitori avevano ringraziato i medici e poi comunicato che avrebbero presentato un esposto.

L’accaduto

Il mese di ottobre, presso l’Asilo Nido di Via Dante, un bambino ha subito un trauma da schiacciamento del terzo e quarto dito della mano sinistra. Il piccolo ha messo le due dita nel cardine della porta tagliafuoco, che si era chiusa automaticamente. Le ferite conseguenti hanno richiesto un periodo di cura di circa 3 mesi, senza lasciargli lesioni permanenti, tanto che il bambino è tornato a frequentare lo stesso asilo.

Come racconta la stessa sindaca, le sarebbe stata contestata, in cooperazione colposa con altri individui, la violazione di una delibera della giunta regionale Lombardia emanata il 9 marzo 2020, secondo cui negli asili nido gli elementi costruttivi, arredi, attrezzature, compresi i giochi, devono avere le caratteristiche antinfortunistiche.

In particolare devono essere adottati idonei accorgimenti atti ad evitare situazioni di pericolo (spigoli acuti, gradini, radiatori, sporgenze, infissi con bordi taglienti)in relazione all’età del bambino e a garantire condizioni di sicurezza e agevole pulizia da parte del personale. La Procura da tale assunto ha dedotto che la Sindaca, in cooperazione con altri, avrebbe omesso di dotare la porta tagliafuoco REI 120 di qualsivoglia dispositivo, idonei ad evitare la chiusura automatica o ad assicurare la chiusura e apertura manuale in sicurezza, creando il rischio di schiacciamento di arti o altre parti del corpo dei bambini accolti nell’asilo. 

Ora spetterà alla magistratura capire se ci sono stati reati. Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, su Twitter, tuona: “È assurdo, basta con queste pazzie contro i sindaci. Come si può indagare un sindaco per una cosa del genere? Siamo al ridicolo. Davvero poi ci sorprendiamo che scarseggiano i candidati a sindaco? È quanto mai urgente che il legislatore intervenga sulle eccessive responsabilità oggettive che hanno i sindaci, perché non possono ridursi a capro espiatorio di tutti i mali del Paese”. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Non me la sento di giudicare, essendoci la magistratura preposta a questo delicato compito e , sono certa, che prossimamente ci saranno risvolti su questa importante vicenda. Resto in attesa di potervi documentare, felice che il piccolo, vittima di questo incidente, stia bene e non abbia subito danni irreversibili alle due dita.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!