Iscriviti

Covid, attesa per il 27 novembre: la mappa italiana dei colori potrebbe cambiare

Il 27 novembre è una data attesissima per tutti gli italiani, in quanto alcune zone attualmente rosse potrebbero mutare, in positivo, il loro colore. C'è chi, invece, attende con trepidazione il nuovo DPCM di dicembre, che promette importanti novità.

Cronaca
Pubblicato il 20 novembre 2020, alle ore 14:20

Mi piace
0
0
Covid, attesa per il 27 novembre: la mappa italiana dei colori potrebbe cambiare

Cresce l’attesa per il 27 novembre, giorno in cui si potrebbe iniziare a rivedere la mappa del Paese a ribasso, con un cambio di colore per le Regioni che hanno attivato provvedimenti più severi. I nuovi colori dell’Italia, dettati dalla pandemia, ossia giallo, arancione e rosso, potrebbero cambiare, in breve tempo, “residenza”, in base al mutamento dei dati dei contagi, alle terapie intensive e ai decessi.

Oggi pomeriggio arriverà, invece, l’ultimo monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità. Alcune Regioni potranno passare dall’arancio al rosso, mentre altre dal giallo all’arancione. Attualmente per abbassare l’allerta di una regione, passando da zona rossa ad arancione, sino alla gialla e, infine, alla verde, servono quasi tre settimane. Stando all’ultimo DPCM, la richiesta di cambio colore può avvenire dopo una settimana dall’entrata in vigore, ma ne servono altre 2 di dati positivi che giustifichino il passaggio.

Insomma, parliamo di una mappa che è destinata a mutare nuovamente anche in positivo perchè ci si auspica un allentamento del quadro normativo in alcune zone. Lombardia, Piemonte, Calabria, Valle d’Aosta, la cui stretta risale al 6 novembre, potrebbero uscire dalla zona rossa il 27 novembre; l’Abruzzo, giocando in anticipo, è già andato in zona rossa; la Toscana non potrà passare da zona rossa a zona arancione prima dell’11 dicembre. Stessi tempi previsti per Campania, rossa dall’11 novembre, e per le arancioni Friuli, Marche ed Emilia. Quadro critico per la Puglia. A preoccupare, gli ospedali al collasso, più che i contagi.

Cosa si prospetta nel nuovo dpcm di dicembre 

Ormai Natale è vicino e ci si interroga su cosa sarà previsto nel prossimo DPCM di dicembre che, in buona sostanza, ci dirà come trascorreremo le festività. Il piano allo studio del Governo per allentare i divieti e concedere una tregua natalizia agli italiani è rigidamente vincolato all’andamento della curva epidemiologica del Coronavirus in Italia. Ma cosa potrebbe accadere? I negozi potrebbero restare aperti fino alle 22:00, in modo da avere ingressi più dilatati, senza creare assembramenti durante lo shopping natalizio.

Per ristoranti e bar si parlerebbe di apertura serale, nel pieno rispetto delle regole anti-contagio e della sicurezza, indossando mascherine quando non si sta consumando, mantenendo le giuste distanze tra i clienti e massimo 4 persone per tavolo. Non dovrebbero esserci allentamenti per gli spostamenti tra le zone rosse e arancioni (salvo i casi di necessità e urgenza già previsti nell’attuale DPCM) ma il Governo e le autorità locali stanno valutando permessi per le famiglie separate.

Dal 3 dicembre potrebbero riaprire i centri commerciali nei weekend e nei giorni festivi, con ingressi contingentati, mentre, riguardo allo sport, restano chiuse le palestre e gli impianti sciistici, così come continuano ad essere vietati gli sport di contatto, nonostante le lamentele di diversi governatori che parlano di come le chiusure stiano distruggendo la stagione sciistica.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Ovviamente chi si trova in una zona rossa d'Italia non vede l'ora di poter migliorare la sua situazione, passando in zona arancione, ma ben presto, il 27 novembre, la mappa dei colori d'Italia potrebbe essere modificata, in positivo, senza mai perdere di vista l'andamento dei contagi. Speriamo che la situazione migliori e che il nostro Paese torni a colorarsi tutto di verde!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!